Ultime notizie

Wonder woman, se alle donne non bastano neanche i superpoteri

Ospiti della stagione del Teatro delle Briciole, il 5 marzo Giuliana Musso, Antonella Questa e Marta Cuscunà raccontano l’universo femminile in una drammaturgia originale che mescola fumetto e indagine. Degustazione offerta da Bio Ceres e incontro con gli spettatori

Perché, anche se sei forte come Superman, essere femmina comporta degli svantaggi? Giuliana Musso, Antonella Questa e Marta Cuscunà, attrici note e apprezzate dal pubblico parmigiano, esplorano il tema dell`indipendenza economica femminile con le armi del teatro d`indagine e dell`ironia. Lo spettacolo, scritto e interpretato  dall’affiatato terzetto al femminile e prodotto da la Corte Ospitale, si intitola «Wonder woman» e va in scena sabato 5 marzo alle 21 nella stagione del Teatro delle Briciole, con una degustazione offerta da  Bio Ceres e un incontro con il pubblico condotto da Roberta Gandolfi, docente di Storia del teatro contemporaneo all`Università di Parma.

“Il miglior rimedio per valorizzare le qualità delle donne è creare un personaggio femminile con tutta la forza di Superman ed in più il fascino della donna brava e bella”. Così scriveva William Moulton Marston, ideatore di Wonder Woman, la prima eroina femminile dei comics. Eppure, anche se sei forte come Superman, essere femmina comporta degli svantaggi: mentre si trovano notizie sulla professione e lo status sociale dei super eroi maschi, della carriera delle loro colleghe donne sappiamo poco o nulla. Forse, pur essendo dotate di abilità sovrumane, nemmeno alle nostre sorelle bioniche è concesso di rompere il soffitto di cristallo che le allontana dall`autonomia economica e da una reale parità con gli uomini nel mondo del lavoro. E poi l’amore… Superman ha una dolcissima fidanzata. Batman è un vero playboy, forse è bisessuale. Wonder Woman rinunciò ai suoi superpoteri per stare vicino al suo innamorato che però venne ucciso nell’episodio successivo.

Wonder Woman è una drammaturgia originale, solo a tratti fumettistica, che indaga un mondo fatto di stereotipi di genere, spreco di talenti, crisi della coppia, diritti mancati; ma anche popolato da donne e uomini che, pur non avendo poteri sovrumani, affrontano la quotidianità dell`amore, del lavoro, della famiglia con voglia di cambiamento.  Da questa suggestione e dal dato, oramai risaputo, che l`occupazione femminile è un potente fattore di crescita dell`economia, nasce un reading in cui i dati statistici si intrecciano ai racconti biografici e la realtà è raccontata con l`arma a doppio taglio della satira. Un divertente esercizio teatrale per dare spazio a legittimi interrogativi sullo stato dell’indipendenza economica delle donne e segnalare una soluzione alla generale stagnazione economica italiana: l`economia in rosa, womenomics!

Only Creative Commons


WARNING: All images from Google Images (http://www.google.com/images) have reserved rights, so don't use images without license! Author of plugin are not liable for any damages arising from its use.
Title
Caption
File name
Size
Alignment
Link to
  Open new windows
  Rel nofollow