Rugby, il Valsugana batte l’HBS Colorno al “Maini” per 26 a 21

Finisce 26 a 21 per il Valsugana (4 a 1), il big match di giornata della Poule Promozione 2. I veneti confermano la leadership del girone, per il XV di Sinclair e Birchall si tratta della seconda sconfitta consecutiva. Partita frizzante, ritmo incalzante, andamento divertente. Tanti i ribaltamenti di fronte. Le due formazioni hanno offerto un bello spettacolo ai sostenitori in tribuna. Al 2’l’arbitro punisce un placcaggio alto di Castagnoli: Roden, vero cecchino che chiuderà con un 6 su 6 dalla piazzola e il premio come man of the match, non sbaglia. 0 a 3. Reazione immediata dei padroni di casa che conquistano una punizione all’8’ che Ceresini capitalizza: 3 a 3. Al 14’ è “Bronzini show”; l’elettrico estremo di casa trova un varco all’altezza della metà campo, semina una serie di avversari con funamboliche finte di corpo e appoggia in meta. Ceresini trasforma per il 10 a 3. Al 20’si registra una massiccia presenza biancorossa nella metà campo colornese che si concretizza in un altro calcio trasformato da Ceresini, 13 a 3.

Con una manovra ordinata e terribilmente semplice, il Valsugana torna ad affacciarsi nella metà campo avversaria al 30’. Roden centra nuovamente i pali: 13 a 6. Passano 3’ e Piazza, rapido e lucido nella manovra, gioca nel migliore dei modi il due contro uno che manda in meta Beraldin, Roden non sbaglia 13 a 13. La ripresa si apre col giallo sventolato in faccia al pilone ospite Caporello. Al 6’ Ceresini centra nuovamente l’acca per il 16 a 13. L’inferiorità numerica non preoccupa troppo i ragazzi di Roux che trovano un calcio di punizione che Roden trasforma: 16 a 16. Il Colorno non solo non approfitta dell’uomo in più, ma al 14’subisce la meta di Sironi che si divincola sulla linea di meta e allunga il braccio, Roden fa il suo: 16 a 23. Se il 10 avversario ha una percentuale di questo genere, ogni fallo commesso si tramuta in minaccia, non importa in che zona del campo avvenga. Il concetto lo ribadisce lo stesso Roden al 20’: 16 a 26. La reazione della squadra di casa è tutta in un’azione ben orchestrata da tutti gli atleti in campo in quel momento. Filippo Scalvi trova il varco e vola in meta, ma non basta. Bronzini sbaglia il piazzato. Non c’è più tempo. A festeggiare sono i veneti.

Dagli altri campi: Verona 8 – Brescia 16 (0 a 4), Udine 32 – Tarvisium 13 (5 a 0)

Colorno (PR), Stadio “Maini” – domenica 19.03.2017

HBS Colorno v Valsugana Rugby Padova 21 – 26 (13-13)

Marcatori: p.t. 2’cp Roden, 8’cp Ceresini, 14’m Bronzini tr Ceresini, 20’cp Ceresini, 30’cp Roden, 33’m Beraldin tr Roden. s.t. 6’cp Ceresini, 9’cp Roden, 14’m Sironi tr Roden, 20’cp Roden, 40’m F.Scalvi

HBS Colorno: Bronzini, Balocchi, Castagnoli (st 28’Pace), E.Scalvi, Papa (st 23’Terzi), Ceresini, Boccarossa (st 33’Dusi), F.Scalvi, Birchall, Manuini (st 20’Modoni), Barbieri, Nibert (st 7’Da Lisca), Gilding (st 33’Tripodi), Baruffaldi (st 31’Buondonno), Goegan (st 14’Datola). All. Sinclair

Valsugana Rugby Padova: Mamprin (st 25’Paluello), Beraldin, Dell’Antonio, Calderan (st 38’R.Scapin), Lisciani, Roden, Piazza (st 25’Giallongo), Girardi, Sironi, Rizzo (st 21’Chimera), Scapin, Trevisan (st 33’Caldon), Paparone (st 38’Chapple), Pivetta (st 32’Sanavia), Caporello (st 16’Varise). All. Roux

Arb. Filippo Bertelli (BS)

Cartellini: giallo a Caporello (Valsugana) 4’ secondo tempo

Calciatori: Roden (Valsugana) 6/6, Ceresini (HBS) 4/5, Bronzini (HBS) 0/1

Note: pomeriggio soleggiato, campo in ottime condizioni, 18°circa, 300 spettatori.

Punti conquistati in classifica: HBS Colorno 1; Valsugana Rugby Padova 4

Man of the match: Luca Roden (Valsugana)