L’Università visita il Corpo d’Armata di Reazione Rapida della NATO

Studenti dell’Università di Parma hanno vissuto per due giorni a stretto contatto con lo staff multinazionale del NRDC-ITA, il Corpo d’Armata di Reazione Rapida della NATO in Italia, accompagnati da Giulio Tagliavini e Massimo Franchi del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali.

La delegazione universitaria ha avuto l’opportunità di visitare il posto comando tattico avanzato del livello di Corpo d’Armata, realizzato all’interno della caserma “Ugo Mara”, sede di NRDC-ITA. Inoltre, dopo aver assistito a una dimostrazione di Metodo di Combattimento Militare (MCM), ha visionato alcuni dei principali mezzi e materiali in dotazione.

L’attività è terminata con la presentazione al Capo di Stato Maggiore di NRDC-ITA, Gen. D. Maurizio Riccò, dei risultati delle analisi sviluppate dagli studenti durante l’esercitazione “Brilliant Ledger 2017”, recentemente conclusa, e durante la stessa più volte illustrati, anche in video-conferenza, al team del Knowledge Development (KD).

Il KD è una branca funzionale del NRDC-ITA deputata, nell’applicazione del concetto di Comprehensive Approach, alla comprensione di sistemi complessi tramite l’analisi di fattori non solo militari ma anche politici, economici, sociali, infrastrutturali e delle informazioni (intese come mezzi di comunicazione), in supporto alle decisioni del Comandante.

Durante la “Brilliant Ledger”, il cui scopo è stato quello di verificare la capacità del NRDC-ITA nella pianificazione e condotta di operazioni ad elevata intensità quale Componente Terrestre della nuova “enhanced” NATO Response Force (eNRF), gli studenti hanno contribuito all’analisi dell’ambiente operativo, apprezzando così l’applicazione diretta degli studi in situazioni pragmatiche e reali ancorché riferite a scenari di esercitazione.

Ciò ha portato un valido contributo in aggiunta alla più classica analisi dell’ambiente militare in supporto al team del Knowledge Development. L’attività ha rappresentato un valido strumento per misurare le capacità acquisite dagli studenti durante il corso di studi.

L’esperienza maturata da NRDC-ITA nel campo della collaborazione con il mondo accademico ha dimostrato che l’interazione civile-militare nell’ambito della gestione di una crisi non solo è possibile, sia nella fase di pianificazione sia in quella di condotta, ma è di grande utilità per una profonda e completa conoscenza delle diverse dimensioni dell’ambiente operativo. Ciò contribuisce, inoltre, al raggiungimento degli obiettivi prefissati in modo più rapido, efficiente, efficace, economico e, soprattutto, più sicuro per il personale militare dell’Alleanza.