La Cina apre un dialogo con Fidenza e Salsomaggiore

La Cina è vicina. Un adagio divenuto popolare, il titolo di un film celebre. Comunque un dato di fatto, che cammina sulle gambe di una super potenza economica in questa fase estremamente selettiva circa i suoi interlocutori, i suoi possibili partner internazionali, seguendo il progetto governativo della Nuova via della Seta, in cui l’Italia gioca un ruolo di crocevia di primo piano.

L’Italia e le zone in cui si realizza quel made in Italy enogastronomico e si sviluppano le best practices che sono percepite come valori aggiunti dal mercato cinese.

Ed è seguendo questo percorso che è nato sabato scorso un incontro ufficiale tra il Comune di Fidenza e una delegazione istituzionale governativa cinese, giunta a Fidenza Village per scoprire le peculiarità del territorio, dal patrimonio agroalimentare, arrivando fino alla grande esperienza della bonifica ambientale dei terreni alla ex Cip-ex Carbochimica. Tema, quello del soil regeneration, su cui il governo cinese ha iniziato ad investire massicciamente.

Delegazione guidata da Mr Song Jingwu, vice presidente della prestigiosa CPAFFC (l’Associazione cinese per i rapporti d’amicizia con i paesi stranieri), una lunga esperienza diplomatica alle spalle anche sul continente europeo e ai vertici del ministero degli esteri Cinese, impegnato nella mappatura di possibili bilaterali commerciali e occasioni di scambio culturale.

Un incontro ospitato a Fidenza Village, player di primo piano per quel che riguarda i rapporti turistici con la Cina, anche in virtù della recente certificazione Welcome Chinese, passe-partout essenziale per il dialogo con una delle economie più forti al mondo e la canalizzazione dei flussi turistici imponenti in uscita dal Paese asiatico. Partner dell’incontro è stata Italy China Link, Associazione per la cooperazione win win tra eccellenze italiane e cinesi, presente al meeting di sabato con la presidente Maria Moreni, cross-cultural manager specializzata sul mercato cinese.
Agenda aperta dai contributi di Silvia Tagliaferri (Tourism Director di Fidenza Village), proseguita con l’intervento del Sindaco Massarie arricchita dal focus sul termalismo portato dal Comune di Salsomaggiore Terme (rappresentato dall’assessore alle Attività produttive Marco Trevisan) e di Alberto Anceschi, presidente delle Terme di Tabiano

La delegazione cinese: “Condizioni ottimali per una collaborazione”

Mr Song Jingwu ha dialogato in un lungo focus con il Sindaco di Fidenza, Andrea Massari, col quale ha sviluppato un dialogo proseguito anche oltre gli appuntamenti dell’agenda ufficiale.

“Il Governo Italiano ha uno sguarda strategico per il progetto della Via della Seta e abbiamo le condizioni ottimali per sviluppare una collaborazione”, ha commentato Jingwu.

Il Sindaco Massari: “Conoscenza reciproca e condivisione degli obiettivi”

“Abbiamo avuto la conferma più operativa possibile del ruolo di Fidenza Village come ambasciatore del nostro territorio sullo scacchiere internazionale – commenta il Sindaco Massari, reduce da una serie di incontri con la delegazione cinese tra Roma e la Regione Lombardia –. Una partnership che in questi anni è andata sempre più rafforzandosi muovendo dal progetto #BorgoFood che racconta una storia importante di uno dei luoghi in cui si pensa, si produce, si porta nel mondo cultura agroalimentare. Quanto prospettato ai possibili investitori cinesi è stato prima di tutto la consapevolezza di voler aprire un confronto per obiettivi di lungo periodo inseriti nel progetto strategico della nuova Via della Seta, non per grandi saldi o per proposte di investimento mordi e fuggi. Confronto che necessita di una conoscenza reciproca e della condivisione di un metodo di lavoro”.

Il Sindaco mette in evidenza anche “la soddisfazione per un confronto nel quale ho colto grande interesse su almeno un paio di elementi, diversissimi tra loro ma comunque fortemente identitari per Fidenza: il mito del food italiano, che vede i cinesi interessatissimi a collaborare con i territori e i protagonisti della pasta italiana e del Parmigiano-Reggiano. In questo senso, l’accoglienza e soprattutto le numerose domande che ho raccolto sull’Anolino De.Co di Fidenza dimostrano che quella che abbiamo intrapreso è molto di più di una operazione meramente identitaria. E poi c’è il tema enorme della rigenerazione ambientale, su cui Fidenza con le bonifiche in corso è realtà all’avanguardia in Italia e ha come partner la Commissione Europea. Proprio per questo, la nostra esperienza è stata guardata con molto interesse”.

L’intervento dell’assessore alle Attività produttive di Salsomaggiore, Marco Trevisan, ha evidenziato il valore culturale e storico delle Terme del Berzieri ed il valore curativo delle acque salsobromoiodiche, tra le più ricche di sali minerali in natura e quelle sulfuree di Tabiano dalla proprietà curativa dell’apparato respiratorio avvalorando così la capacità dell’area grazie a strutture turistico ricettive.

Fidenza Village: “Progetto per l’internazionalizzazione”
“Siamo orgogliosi di essere ancora una volta al fianco del Comune di Fidenza e di Salsomaggiore in un progetto che punta alla valorizzazione del territorio e alla sua internalizzazione – ha dichiarato Silvia Tagliaferri, Tourism Director di Fidenza Village –. La storia, le bellezze artistiche, le eccellenze gastronomiche che lo caratterizzano sono un fortissimo elemento di attrazione per i turisti nazionali e internazionali. Sostenerlo e valorizzarlo è per noi al tempo stesso un privilegio e un impegno. L’ospitalità è nel DNA di Fidenza Village: studiamo con passione e attenzione continue iniziative su misura per le esigenze di tutti i nostri ospiti. Per questo siamo particolarmente felici di aver potuto ospitare questa prestigiosa delegazione di ospiti cinesi. Siamo certi che da questo incontro nasceranno importanti occasioni di crescita comune”.