Parma – Spezia 0-0. Espulso Lucarelli. Video highlights

Termina 0-0 l’anticipo della 21a giornata della Serie B fra Parma e Spezia. Guarda gli highlights della partita!

Un risultato che consente alle due squadre di restare in piena lotta per i playoff, anche qualcosa di più nel caso dei Ducali.

Il Parma aggancia, infatti, il Bari al terzo posto con 33 punti. Spezia sesto con tre punti in meno.

Gara senza reti, ma in cui non sono mancate le emozioni. Nel primo tempo l’unica vera occasione da gol sul tacco di Granoche, che però fallisce da pochi passi. Nel finale Lucarelli viene espulso per doppia ammonizione, reo di aver tentato di segnare di mano. Nella ripresa gli ospiti non sanno approfittare dell’uomo in più e non trovano la via del successo nonostante un’altra occasione fallita da Granoche.

La squadra di D’Aversa anche in dieci ha sfiorato più volte la vittoria, ma senza fortuna.

Parma – Spezia 0-0

PARMA CALCIO 1913: Frattali, Iacoponi, Di Cesare, Lucarelli (Cap.), Baraye (63′ Nocciolini), Insigne, Di Gaudio, Scozzarella, Gagliolo (63′ Sierralta), Scavone (V.Cap.), Dezi (73′ Corapi).

A disposizione: Nardi, Dini, Scaglia, Munari, Ramos, Frediani, Barillà, Siligardi.

All.: D’Aversa

AC SPEZIA 1906: Di Gennaro, Lopez, Giani, Bolzoni (61′ Giorgi), Terzi (Cap.), Pessina, De Col, Maggiore, Mastinu (77′ Ammari), Granoche (V.Cap.), Marilungo (82′ Forte).

A disposizione: Bassi, Manfredini, Capelli, Ceccaroni, Soleri, Augello, Calabresi, Acampora, Vignali.

All.: Gallo

Arbitro: Sig. Riccardo Ros di Pordenone. Assistenti: Sigg. Paolo Formato di Benevento e Vito Mastrodonato di Molfetta. IV Uomo: Marco Serra di Torino.

Note – Calci d’angolo: 7-6. Ammoniti: Lucarelli (31′), Terzi (47′), Maggiore (48′), Di Cesare (56′), Sierralta (73′), De Col (88′). Espulso Lucarelli al 42′ per doppia ammonizione. Recupero: 1’pt, 4’st. Spettatori: 10.984 (9.330 abbonati, 1.654 paganti di cui 906 ospiti) per un incasso complessivo 79.966,48 €.

Al termine del match concluso con il risultato di 0-0, Mister Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa dello stadio “Tardini”.

“Riguardo l’episodio di Lucarelli l’ho rivisto, ha istintivamente messo la mano e la palla l’ha toccata ma c’è stata una trattenuta, si poteva ragionare in maniera diversa. Detto questo abbiamo avuto poi un’occasione per passare in vantaggio in ripartenza, in una partita in cui nei primi trenta minuti del primo tempo non abbiamo fatto benissimo e dove eravamo lenti nelle scelte e nel giro palla. Dell’interpretazione della gara da parte dei ragazzi successivamente da quando siamo rimasti in dieci sono soddisfatto”.

“In fase difensiva ci stavamo ben comportando anche in parità numerica, la problematica nei primi 30 minuti è stata nella costruzione del gioco dove siamo stati lenti e non abbiamo ricercato le giocate che abbiamo provato durante la settimana. Per quanto riguarda la fase difensiva ci siamo ben comportati sia quando eravamo in undici che soprattutto quando siamo rimasti poi in dieci, grazie all’applicazione con la quale i ragazzi hanno continuato la partita”.

“Bilancio dell’andata? Buono, avrei voluto regalare un’ultima soddisfazione in casa, con una vittoria avremmo chiuso il girone d’andata in maniera strepitosa, siamo soddisfatti per tutto il girone ma un po’ meno per stasera soprattutto come detto per quei trenta minuti iniziali. Sicuramente non ci dobbiamo rilassare e nella nostra testa dobbiamo pensare che nel ritorno abbiamo le qualità per poter fare meglio, ma questo dipende soprattutto da noi”.

“Pareggiamo un po’ troppo, ma se si guarda la classifica prima di questa gara la differenza tra noi e il Palermo, che è quella che guida il campionato, è data proprio dai pareggi, visto che avevamo lo stesso numero di vittorie. Va bene muovere la classifica, ma bisogna poi vincere per dare valore a questi pareggi”.

“La sosta? Credo che i ragazzi abbiano spinto molto, questa pausa casca a pennello anche per recuperare alcuni giocatori come Ceravolo, Calaiò, Mazzocchi, anche Gagliolo cui faremo gli esami domani per valutare l’entità dell’infortunio. Il miglior mercato in questo momento è recuperare gli infortunati, poi vediamo cosa farà la società ma sono fiducioso sia per quanto riguarda l’operato del direttore sia per la disponibilità che ha sempre dato la società, si sono sempre ben comportati”.

cm2000_17