I Burattini del Teatro Medico Ipnotico tornano a Teatro Due a partire dal 6 gennaio

burattini

A partire dal 6 gennaio e fino al mese di marzo 2018 tornano a Teatro Due I Burattini del Teatro Medico Ipnotico, una selezione degli spettacoli della compagnia di Patrizio Dall’Argine e Veronica Ambrosini che saranno presentati al pubblico di grandi e bambini il sabato e la domenica in orario mattutino e pomeridiano.

Burattinaio, pittore, attore e regista, artista a 360 gradi Dall’Argine scolpisce nel legno i suoi burattini, dipinge i fondali, scrive i canovacci, interpreta e dirige i suoi spettacoli e intende il suo lavoro di artista come continua ricerca sotto ogni profilo, tecnico, intellettuale ed esperienziale.

Profondo conoscitore dei burattini della tradizione e inventore di nuovi personaggi, coadiuvato dall’imprescindibile collaborazione di Veronica Ambrosini, Dall’Argine tende, per sua stessa affermazione, a rappresentare l’irrappresentabile mescolando universi artistici diversi e ha maturato negli anni un repertorio molto ricco e diversificato nei suoi destinatari.

Lo spettacolo per burattini, infatti, non è destinato solo a un pubblico di bambini, così le creazioni del Teatro Medico Ipnotico sono rivolte a tutta la comunità, ecco perché accanto ai canovacci originali, la compagnia mette in scena lavori scaturiti dalla vivida fantasia dell’artista, ispirati a storie visionarie e raffinate o alle vite di personaggi storici, come per esempio lo spettacolo che apre la rassegna Il piccolo Verdi, in scena il 6 gennaio alle ore 16.00 e il 7 gennaio alle 11.00 e alle ore 16.00. Un viaggio visivo e sonoro nell’infanzia del Maestro: dai giochi lungo gli argini insieme ad un’amica immaginaria, alle scene famigliari in osteria, sino ai suggestivi momenti nel santuario di Madonna Prati, dove iniziò a suonare l’organo. Se vi siete mai domandati di cosa si nutre il genio, date un’occhiata all’infanzia di Giuseppe Verdi: divertenti e ispiranti sono le sue mille avventure nell’atmosfera sognante della campagna, ricostruita da splendidi fondali dipinti e evocata dalla colonna sonora, le musiche dello stesso Verdi arrangiate per pianoforte ed eseguite dal vivo dal maestro Enrico Padovani. Popolare e raffinato Il piccolo Verdi è un divertente approfondimento della prima giovinezza di Giuseppe Verdi.

Sognante e crudele come una favola è In viaggio con Sgorghiguelo  ovvero meno psicologia e più geografia, in scena il 20 gennaio alle ore 16.00 e 21 gennaio alle 11.00 e alle 16.00, storia di un cattivo Direttore Didattico che per colpa di una sola classe di ragazzi difficili non riusciva a vincere il Premio per la “Miglior Scuola del Territorio”. Decise così di mandare la 2F in gita nei parchi dell’Emilia Occidentale a bordo di uno scalcinato furgone con la speranza di non vederli tornare mai più. Il Guardia Parco li avverti: “Ragazzi, se non volete correre pericoli, rispettate la natura e le sue regole!”. Ma i sette piccoli burattini (allergici ad ogni divieto) restarono vittima del loro entusiasmo e delle cattive abitudini del nostro tempo, non ascoltando la voce profonda della natura. E così, di guaio in guaio un solo burattino tornerà a casa.

Anche i protagonisti dei fumetti escono dalle pagine dei giornalini per incontrare il mondo dei burattini, in Topolino, 24 febbraio alle 16.00 e 25 febbraio alle 11.00 e alle 16.00 il celeberrimo personaggio si materializzerà in baracca per dar consigli al capocomico di una compagnia sull’orlo della bancarotta per aiutarlo a diventare capitalista e ritrovare così il successo… Le cose prendono però da subito un’altra piega e così anziché raccontare una favola i burattini portano in scena, con la loro consueta cifra stilistica grottesca, l’attualità drammatica dei profughi che devono affrontare i pericoli del mare per sfuggire alla miseria e alla violenza in cui si trovano. 

La muta del burattinaio è formata da tanti burattini – racconta dall’Argine. Nella mia al momento ci sono circa cinquanta teste di legno. Tra di loro c’è uno strano personaggio che colleziona sacchetti di plastica e non parla una lingua comprensibile, forse perché non crede più alle parole. È il Matto. Il Matto è un burattino così particolare che ho dovuto fare uno spettacolo tutto per lui, per raccontare come è diventato matto e per permettergli di compiere le sue malefatte. Black Varietà, in scena il 10 marzo 2018 alle ore 16.00 e l’11 marzo alle 11.00 e alle 16.00, proprio come il carattere del suo protagonista, non ha uno svolgimento lineare: è formato da sei quadri che attraversano alcuni temi formali del teatro di animazione, dalla danza macabra alle sacre rappresentazioni. Un varietà nero, affascinante e visionario con cui si chiude la rassegna.

Informazioni e biglietteria: 0521/230243 – biglietteria@teatrodue.org – www.teatrodue.org

CALENDARIO

IL PICCOLO VERDI

burattinai Patrizio Dall’Argine, Veronica Ambrosini

burattini, scene, costumi Patrizio Dall’Argine, Veronica Ambrosini

pianista Enrico Padovani

6 gennaio 2018, ore 16.00

7 gennaio 2018, 11.00 e ore 16.00

IN VIAGGIO CON SGORGHIGUELO

ovvero meno psicologia e più geografia

burattinai Patrizio Dall’Argine, Veronica Ambrosini

burattini, scene, costumi Patrizio Dall’Argine, Veronica Ambrosini

assistente Antonella Altieri

20 gennaio 2018, ore 16.00

21 gennaio 2018, 11.00 e ore 16.00

TOPOLINO

burattinaio Patrizio Dall’Argine

assistente Veronica Ambrosini

24 febbraio 2018, ore 16.00

25 febbraio 2018, 11.00 e ore 16.00

BLACK VARIETA’

burattinai Patrizio Dall’Argine, Veronica Ambrosini.

tecnico Thea Ambrosini.

special Guest Sveva Ravanetti

burattini, scene, costumi Patrizio Dall’Argine, Dania Bonora

10 marzo 2018, ore 16.00

11 marzo 2018, 11.00 e ore 16.00

cm2000_17