Pizzarotti è il referente italiano del partito di Varoufakis

Se gli si chiede di descrivere in una parola la strategia di Matteo Salvini sui migranti, Yanis Varoufakis ‘spara’ in un secondo: “Fascista”. E poi aggiunge: “Salvini ha dichiarato guerra alla civiltà. Ha predicato xenofobia in tutta la campagna elettorale, ora passa ai fatti. Dov’è la sorpresa? Il problema sta nel consenso che ha, ma non si può votare per lui e poi scandalizzarsi…”.

Lo scrive l’Huffinghton Post, che ha incontrato l’ex ministro greco a Roma, in una delle tappe del suo ‘perenne’ tour europeo con ‘Diem 25′, la creatura politica che ha fondato a Berlino nel 2016. “Alternativa europea, prima che l’Europa mangi se stessa”, puntualizza il suo braccio destro italiano, Lorenzo Marsili. Appuntamento alle europee 2019, Varoufakis sarà molto probabilmente capolista di Diem25 in Germania, lì dove tutto iniziò nel 2015: la crisi del debito greco e la guerra con Atene, lui ministro dell’Economia di Alexis Tsipras prima dello strappo, prima di lasciare il premier di Syriza all’applicazione delle ricette di austerity dettate da Bruxelles e Berlino insieme. Varoufakis non è pentito, anzi. E’ anche tentato di correre come presidente della commissione europea per Diem25, rete politica che sta costruendo ovunque in Europa come se ci fossero le liste transnazionali, bocciate dalla destra nel Parlamento Ue.

Sul candidato presidente della Commissione “la decisione sarà democratica in autunno, con primarie online – dice – Ma sono tentato. Quanto alle liste transnazionali faremo come se esistessero: scambieremo nazionalità e paesi di provenienza. E vedrete un tedesco di Diem25 candidato nelle liste in Grecia e viceversa, un francese magari in Italia e così via”. Con Diem25, che in Grecia si chiama Mera25 e corre anche per le prossime politiche (l’anno prossimo con le europee o anticipate in autunno, dipende da Tsipras) si sono schierati anche il laburista Jeremy Corbyn in Gran Bretagna e, da tempo, il fondatore di Wikileaks Julian Assange, dal suo confino nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra. In Italia i referenti sono il sindaco di Napoli Luigi De Magistris ma anche il primo cittadino di Parma, l’ex cinquestelle Federico Pizzarotti: entrambi domani parteciperanno al lancio della campagna elettorale di Diem25 per le europee 2019 a Milano.