Gli artisti parmigiani incontrano i colori dell’Etiopia

Giovedì 13 settembre 2018 presso lo Spazio BDC in Borgo delle Colonne si è tenuta l’asta di beneficenza K’ELEMI: GLI ARTISTI PARMIGIANI INCONTRANO I COLORI DELL’ETIOPIA.

Protagoniste della manifestazione sono state le opere dei numerosi artisti parmigiani che hanno contribuito al successo della serata esponendo dei lavori ispirati alle terre d’Africa. Un posto d’eccezione è stato poi riservato ai meravigliosi dipinti realizzati dai bambini etiopi ospiti del distretto scolastico di Shelallà in Etiopia, sempre reinterpretati dagli artisti
parmigiani intervenuti: Andrea Terenziani, Giovanni Mainardi, Natashia Yalysheva, Arturo Sereni, Lufer, Paolo Vescovini, Alfonso Borghi, Rita Francica, Stefano Spagnoli, Vittorio Ferrarini, Claudio Tedoldi, Romana Zambon Photo, Laura Nocco, Umberto Alinovi, Elisabetta Calestani, Angeli Cornici, Marcella Caselli, Michelangelo Battilocchi, Anna Vettori, Adriano Orlandi.

«È una grandissima soddisfazione aver contribuito a questo progetto – spiega l’artista Vittorio Ferrarini – è un piacere oltre che un obbligo sociale e artistico mettere a disposizione il mio talento per poter aiutare qualcun’altro, soprattutto quando si tratta di bambini che hanno delle necessità primarie».

Il ricavato dell’asta di beneficenza verrà interamente devoluto al progetto Scuole di Parma per Gli Altri ONG che da oltre 20 anni lavora a Shelallà per contrastare l’analfabetismo e migliorare l’educazione, creando luoghi adeguati all’insegnamento.
La serata è stata realizzata con il patrocinio di Comune di Parma e Parma 2020 ed il contributo di BDC – Bonanni Del Rio Catalog, The Ad Store, Cerve, Cambio Casa, Branchi Prosciutti, Monte delle Vigne, Cristina Ugolotti Serventi, Salumificio Ravanetti, l’azienda agricola Val Serena e il ristorante Pane e Salame.

«Quando abbiamo visitato per la prima volta il comprensorio scolastico di Shelallà in Etiopia ci siamo accorti di quanto i luoghi adibiti all’insegnamento fossero insalubri e dannosi per la salute dei bambini – interviene Barbara Ferretti, tesoriere di Parma per Gli Altri – l’Associazione è intervenuta ristrutturando le quattro scuole presenti nel distretto etiope, un progetto importantissimo che ha bisogno di continui finanziamenti. Nasce così K’ELEMI, l’iniziativa di beneficenza organizzata questa sera che ha l’obiettivo di raccogliere fondi destinati alla creazione di nuove strutture per la scolarizzazione. Particolari ringraziamenti vanno alle volontarie Roberta Bovaia e Amalia Nocco che da mesi seguono con passione ed impegno questo progetto.

Vorrei inoltre ricordare che tutte le opere rimaste invendute saranno esposte fino al 22 settembre presso la galleria d’arte Art&Co di Viola Simone in Borgo Palmia».

«Siamo felici che la comunità parmigiana abbia risposto con entusiasmo al nostro invito e ringrazio tutte le volontarie, in special modo Barbara Ferretti, per aver contribuito alla realizzazione di questa meravigliosa serata. Con il Progetto Scuole, Parma Per Gli Altri si impegna da oltre venti anni per garantire agli oltre ottomila bambini della regione un’istruzione di base in un ambiente sano e adeguato alle loro necessità. Oggi siamo qui per poter raccogliere nuovi fondi e permettere a progetto di continuare a crescere» – aggiunge Paola Salvini, Presidente di Parma per Gli Altri.

«Ringrazio l’associazione Parma per Gli Altri per questa importante iniziativa – spiega Nadia Buetto, Consigliera Comunale del Comune di Parma – in questo progetto ci sono sicuramente degli ingredienti che per il comune di Parma sono fondamentali, prima di tutto la solidarietà. Parma è sempre stata una città solidale e lo dimostra in ogni occasione e questa è una di quelle. Ciò che per noi è fondamentale e dove investiamo tantissimo sono i bambini e la loro istruzione. Penso che sia il momento di dimostrare e riconoscergli tutto l’impegno che hanno messo nel realizzare queste opere stupende».

L’asta è stata ospitata nell’innovativo Spazio BDC – Borgo delle Colonne allestito per l’occasione da Amalia Nocco con l’aiuto della garden designer Sandra Migliavacca de Il Giardino Ritrovato e Tecnoverde di Sassi Paolo&C.

«Ho partecipato con grande entusiasmo a questo evento donando il mio tempo e il mio sapere in collaborazione con Parma per Gli Altri, curando gli allestimenti in questo luogo magico e speciale che è lo Spazio Bonanni Del Rio – interviene Amalia Nocco – Quando si tratta di bambini è veramente una cosa unica e finalmente lasciamo che sia la loro voce a parlare. Abbiamo raccolto opere dei pittori ed artisti parmigiani e soprattutto abbiamo cercato di dare un valore aggiunto alle opere dei bambini grazie alla maestria degli artigiani».

«Siamo molto felici io e mio marito di aver messo a disposizione il nostro spazio per contribuire a questa raccolta fondi di Parma Per Gli Altri che riteniamo molto importante – continua Lucia Bonnani Del Rio proprietaria dello Spazio BDC – Conosciamo e seguiamo da diverso tempo questi progetti e ci piace la serietà, l’impegno e la dedizione che tutte le volontarie mettono per supportare queste iniziative».

Lucio Rossi ha vestito i panni del battitore d’asta/padrone di casa ed ha condotto l’intero appuntamento all’insegna del divertimento:
«La mostra si intitola K’ELEMI che in amarico significa “colori” e per un fotografo come me è impossibile rinunciare a questa iniziativa. Un meraviglioso progetto al quale partecipo molto volentieri, organizzato da questa associazione che sta facendo cose molto belle e importanti in Etiopia»

La serata si è conclusa con una degustazione di prodotti tipici parmigiani e il DJ set di Lufer.