Gambarini (FI) e Pezzuto (PU) intervengono sull’inchiesta del Centro commerciale di Baganzola

“Prendiamo atto di questa iniziativa giudiziaria relativa al futuro centro commerciale di Baganzola e che coinvolge anche l’assessore del Comune di Parma Alinovi (leggi). Essendo garantisti, non entriamo nel merito dell’inchiesta e non tiriamo conclusioni in ordine alla legittimità della procedura urbanistica adottata. Sta di fatto che questo episodio ricorda come ancora una volta l’amministrazione Pizzarotti abbia fatto una inversione di 180 gradi rinnegando uno dei suoi principi cardine della campagna elettorale del 2012: mai più centri commerciali, mai più consumo di suolo, principio rinnegato che si aggiunge all’ormai famosa promessa di sospendere la realizzazione dell’inceneritore, per la quale sappiamo come è andata a finire. Sarebbe, perciò, meglio che il sindaco Pizzarotti, invece di fare il giro d’Italia per promuovere il suo nuovo partito, stia in Comune a verificare e controllare l’operato dei suoi assessori”.
Lo scrive in una nota Francesca Gambarini, commissario provinciale di Forza Italia.

Sono un convinto garantista e per questo non commenterò l’operato della Procura né la posizione dei tre indagati legati al sequestro del cantiere del centro commerciale Parma Urban District, eseguito questa mattina dalla Guardia di Finanza.

Ciò premesso non posso non rilevare che, per quello che ci è dato di conoscere delle indagini in corso, queste sembrano avvalorare tutte le perplessità politiche sulla procedura di rilascio dei permessi di costruire che a suo tempo avevo rilevato insieme ai colleghi di minoranza di Parma Protagonista e del PD a seguito dell’inchiesta di Legambiente.

In particolare a non convincere noi, ma evidentemente anche la Procura, erano i ritardi e la mancata predisposizione dell’aggiornamento del piano dei rischi a fronte della decisione da parte di questa Amministrazione di dare via libera alla realizzazione finale del Mall in barba a tutte le declaratorie di ambientalismo e aiuto al piccolo commercio.

Adesso, come purtroppo sempre più spesso accade, sarà la Giustizia a stabilire se siano stati commessi reati e chi abbia sbagliato. Per quanto mi riguarda, ogni ulteriore valutazione attenderà gli esiti di questa indagine che ovviamente mi auguro possa giungere a termine nel più breve tempo possibile.

Fabrizio Pezzuto
Parma Unita- Centristi