Approvato il Decreto Salvini, Campari (Lega): “Stop clandestinità e business immigrazione, città più sicure”

Con l’approvazione del Senato al Decreto Sicurezza, il primo passo per un ritorno della legalità nelle nostre città è stato fatto. Saranno eliminate le storture che hanno permesso al business dell’immigrazione clandestina di proliferare e saranno dati alle forze dell’Ordine strumenti in più per rendere sicuri i nostri quartieri”, spiega il senatore parmigiano della Lega Maurizio Campari, che è intervenuto in aula a sostegno del provvedimento, al termine del voto.

“Chi ha gestito l’immigrazione e l’Ordine pubblico prima di noi – prosegue il senatore del Carroccio – ha permesso che interi quartieri delle nostre città fossero abbandonati al degrado e allo spaccio: frontiere inesistenti, continui sbarchi di clandestini, storture come l’utilizzo del vecchio ‘permesso umanitario’ inventate per favorire il business dell’accoglienza, Forze dell’Ordine demotivate dall’atteggiamento dei precedenti governi oltre che depotenziate nell’organico e nelle dotazioni. Con la Lega al Governo invertiamo la tendenza”.

“Il Decreto Salvini – prosegue – sospenderà le domande d‘asilo in caso di pericolosità sociale o condanna in primo grado, cancellerà i permessi di rifugiato a chi commette reati come stupro, spaccio di droga, violenza e minaccia a pubblico ufficiale, furto aggravato, rapina e revocherà la protezione alle migliaia di “profughi” che ogni anno vanno a fare le vacanze nel paese da cui dicono di essere scappati”.

“La vecchia politica non ha ancora capito – conclude Campari – che la Lega di Salvini è al governo per cambiare le cose e un passo alla volta lo sta facendo. I cittadini lo hanno capito bene e non hanno nessuna voglia di tornare indietro”.