“Etica ed estetica dello sport” premia la boxe

30/03/2009
h.14.10

Sarà la “Boxe Parma” la vincitrice quest’anno del premio “Etica ed Estetica dello sport”, il riconoscimento istituito dall’Assessorato allo Sport della Provincia di Parma per assegnare un tributo ufficiale a chi nel nostro territorio ha dimostrato con le proprie azioni di puntare ad un concetto etico dello sport.
“È importante in un territorio come il nostro, che ha dato grandi campioni allo sport, premiare coloro che si sono contraddistinti – ha detto il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli, presentando questa mattina l’evento nell’ente di piazzale della Pace -. È importante soprattutto in un periodo come questo, in cui diverse dinamiche, come la sovraesposizione mediatica, rischiano di modificare i valori che sono alla base dello sport, facendo passare il messaggio che non sia necessario rispettare le regole né l’avversario e che l’importante sia solo vincere. È necessario contrastare quest’immagine negativa e riprendere i valori positivi, come la lealtà e il rispetto: questo premio vuole andare proprio in questa direzione.”
La terza edizione di “Etica ed Estetica dello sport” sarà tutta dedicata alla boxe. La Provincia, infatti, domenica prossima, 5 aprile, alla Reggia di Colorno, non premierà solo l’associazione presieduta da Adriano Guareschi e guidata da Maurizio Zennoni, ma assegnerà varie benemerenze anche ad altre associazioni e ad alcuni personaggi che si sono adoperati per la divulgazione della boxe nel nostro territorio e non solo.
“Il fatto che si premi il pugilato alla Reggia è ancora più significativo visto che Colorno è notoriamente terra di boxe – ha detto il sindaco di Colorno Stefano Gelati –. Lo sport ha un alto valore formativo e prima di tutto insegna a rispettarsi come persone: è questo il grande messaggio che dobbiamo trasmettere, soprattutto ai giovani.”
“Per noi è un grande onore e siamo molto orgogliosi di ricevere questo premio – ha spiegato Adriano Guareschi -. Il pugilato ha fatto molta strada e ha scoperto tanti campioni anche a casa nostra, anche grazie a iniziative come il Boxing Tour che ha portato il pugilato tra la gente”. È proprio dalla collaborazione tra la Provincia di Parma e la “Boxe Parma” che il pugilato è “rinato” nel territorio Parmense. Negli ultimi 5 anni, infatti, i pugili sono tornati a calcare i ring dei paesi della provincia grazie all’iniziativa “Boxing tour”, che ha toccato le piazze di Fontevivo, Corniglio e Roccabianca fino a sbarcare alle porte della città alla Fattoria di Vigheffio, offrendo a tanti parmigiani e parmensi la possibilità di assistere a incontri di primo livello tra gli atleti del luogo e pugili di ogni provenienza e livello.
Alla cerimonia di premiazione di domenica saranno associate diverse iniziative.
Il primo appuntamento è fissato alle 16 quando si terrà l’incontro “La boxe tra passato e presente”, che intende ripercorrere l’evoluzione della “Noble Art” attraverso il racconto dei personaggi di ieri e di oggi, tra storie di vita e di sport, di etica ed estetica. All’incontro interverranno Paolo Vidoz, campione europeo pesi massimi – leggeri 2006 e medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Sydney 2000 pesi supermassimi; Daniele Redaelli, caporedattore della Gazzetta dello sport; Luca Delli Carri, scrittore impegnato nella stesura di un libro sul pugilato incentrato sulla figura del campione del mondo Giacobbe Fragomeni, e Michelangelo Garofalo, medico coordinatore regionale della Federazione pugilistica italiana.
Alle 17.30, sul palco della sala Capriate della Reggia, la Provincia consegnerà il premio e le benemerenze della III edizione “Etica ed Estetica”.
A seguire, alle 18.30, sarà inaugurata l’esposizione audiovisiva “L’arte dei nobili – La boxe nella provincia italiana”, progettata dallo studio Nine9art in collaborazione con il fotografo Aristos Triantafillou. “La mostra – ha spiegato Lambros Capordelis dell’agenzia Nine9Art – è ispirata all’universo del pugilato che si muove dentro e fuori dal ring, spesso anche lontano dagli incontri spettacolari.” Il pubblico potrà immergersi in un viaggio d’altri tempi attraverso immagini in bianco e nero che cercheranno di rubare gesti e sguardi, momenti di puro atletismo, di vestizione e socializzazione. In sottofondo, musica, suoni e rumori permetteranno di vivere in prima persona l’atmosfera del ring e della palestra.
Durante il programma del premio “Etica ed Estestica” chi lo desidera potrà anche usufruire della visita guidata gratuita alla Reggia di Colorno.
Il 2008 per la Boxe Parma è stata un’annata davvero da incorniciare: 60 match e 48 vittorie.
Pochi giorni dopo il premio “Etica ed Estetica”, il peso super leggero Alfredo Di Feto, il 14 aprile a Udine tenterà la scalata al titolo italiano affrontando De Profetis. E Giacobbe Fragomeni, neo campione mondiale dei massimi leggeri che spesso ha scelto la palestra della Boxe Parma per allenarsi, difenderà per la prima volta il suo titolo il 18 aprile a Roma contro Krzysztof “Diablo” Wlodarczyk.

Il premio “Etica ed Estetica”
E’ nato nel 2007 per volontà dell’assessorato allo Sport della Provincia di Parma per conferire un riconoscimento speciale a chi nel tempo ha dimostrato di svolgere la propria attività sportiva all’insegna dell’etica. L’obiettivo è quello di far emergere degli esempi e dei punti di riferimento rivolti ai più giovani per educarli al vero senso dello sport e della vita.
I premi conferiti nelle edizioni precedenti:
2007 – Salsomaggiore Terme: dedicato a quattro società di Rugby: Overmach Cariparma, Rolly Gran Parma, Colorno Rugby e Rugby Noceto F.C
2008 – Fontanellato: dedicato a dodici società che hanno lavorato a favore della disabilità: Aci Parma; Cigiesse Fornovo; Club Scherma La Farnesiana; Compagnia Arcieri del Torrente; CUS Parma; Gioco Polisportiva di Parma; Judo Center Parma; Libertas – San Severina; Magik Basket; Palasprint; Polisportiva Va’ Pensiero; Yamato di Lesignano Bagni.