Classifica del Sole 24 Ore sulla qualità della vita: Parma 13° (+6 posizioni). Gli asili sono il punto di forza. Pizzarotti: “Abbiamo fatto un bel passo in avanti”

Il Sole 24 Ore ha pubblicato la classifica 2015 della qualità della vita delle province italiane.

Parma si piazza al 13° posto, salendo di 6 posizioni rispetto al 2014. Leggi classifica!

Il meglio di sè Parma lo dà nel tasso migratorio e negli asili (3° in Italia). Negli asili Reggio Emilia è 6°. Leggi i dettagli di Parma!

Sul podio della classifica nazionale ci sono Bolzano, Milano e Trento.

Relativamente alla Regione Emilia Romagna fanno meglio di Parma Ravenna e Bologna. Modena è al 14° posto, Reggio al 26° (nel 2014 era 5°), Piacenza al 37°.


Sul podio ci sono Bolzano, Milano e Trento, ma anche Parma fa un bel balzo in avanti, scala sei posizioni, classificandosi, con i suoi 552 punti al tredicesimo posto, ad appena tre punti dall’ottavo posto di Aosta e ad un punto da Bologna e a tre da Ravenna (prima assoluta nel 2014, ora sola nella top ten in Emilia Romagna), uniche a precederla in una Regione sempre vicina all’eccellenza, pur perdendo qualche posizione.

Questo il verdetto della speciale classifica stilata annualmente dal quotidiano “Il Sole 24 Ore!” sulla qualità della vita nelle 110 province italiane.

A livello regionale, Parma fa meglio di Modena e Reggio Emilia, che perdono rispettivamente 11 e 21 posizioni in classifica, mentre avanza, insieme alla città ducale, solo Rimini, che ne acquista 9 e occupa il 23° posto.

Gettando uno sguardo ai parametri e agli indicatori che stanno alla base dell’elaborazione del quotidiano, si scopre che Parma è al sesto posto nel tenore di vita; inoltre è quarta a livello nazionale per il tasso di occupazione nella sezione “affari e lavoro”, mentre è addirittura al terzo posto per gli asili, dietro a Bologna e Gorizia, ma davanti a Modena, Ravenna e Reggio Emilia.

Lusinghiero anche il risultato relativo al tasso di sportività (11° posto assoluto dietro Modena e Bologna a livello regionale), così come quello relativo alla pagella ecologica: qui Parma è al 12° posto assoluto, ma prima in regione secondo i parametri di Legambiente, relativi all’ecosistema urbano 2015.

Fra i parametri che danno risultati negativi figurano il costo delle case (90° posto) e il clima (variabile dipendente dalla collocazione al centro della Pianura Padana) che ci colloca addirittura come fanalino di coda, e sicurezza e ordine pubblico, con un 96° posto in linea con gli anni precedenti, che fa riferimento al numero di denunce presentate (tutt’altro che omogenee sul territorio nazionale) per appartamenti svaligiati, microcriminalità, rapine ed estorsioni.

“Abbiamo fatto un bel passo in avanti in classifica e ci avviciniamo alle prime dieci – è il commento del sindaco Federico Pizzarotti – il che fa indubbiamente piacere come riconoscimento del cammino intrapreso, anche se questo genere di graduatorie è legato a molte variabili e quindi non va preso come un posizionamento di valore assoluto, né quando si arriva in cima, né quando si segna il passo. Comunque è significativo che Parma resti sempre nella parte alta del tabellone e segni una evoluzione positiva anche a livello regionale”.

Comune di Parma

Ufficio stampa