Punto nascite Borgotaro, Pagliari: “Un’eccellenza da tutelare”

La raccolta delle firme e l’appello dei Sindaci relativo al Punto Nascite meritano attenzione.

E confido che l’avranno, conoscendo la sensibilità del Presidente della Regione e dell’Assessore Regionale alla Sanità nei confronti delle criticità  dei territori, soprattutto quelli più disagiati, e l’impegno della Direzione Generale dell’Ausl nell’attuare concretamente azioni di sviluppo e miglioramento in sinergia con le Istituzioni locali. Certo, viviamo tempi cattivi, condizionati dai noti problemi di finanza pubblica e non ci si possono nascondere le difficoltà.

I presidi sanitari in montagna e l’ampiezza della loro capacità di risposta sono, però, decisivi per il successo di una politica a favore della Montagna, tesa ad evitare lo spopolamento e ad invertire la tendenza.

Credo, a questo riguardo, che nessuno dimenticherà la riconosciuta importanza dell’Ospedale Santa Maria di Borgotaro, non solo come un riferimento per tutti i Cittadini della montagna (da Berceto, a Bedonia e a Bardi), ma soprattutto in quanto Presidio Ospedaliero Provinciale – così come evidenziato anche nei documenti di Programmazione della Rete Ospedaliera provinciale, recentemente approvati dalla Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria (CTSS) – e che, pertanto, le decisioni saranno conseguenti, rafforzando la capacità di risposta dell’Ospedale e la sua integrazione nel sistema sanitario dell’AUSL in modo da assicurare più servizi e maggiore accessibilità anche a dispetto della distanza.

Giorgio Pagliari