Cgil: “Sconcerto per l’assurda radiazione dell’assessore Venturi”

Con sincero sconcerto la CGIL e la FP CGIL provinciali hanno appreso la notizia della radiazione dall’Ordine dei Medici di Bologna dell’assessore regionale Sergio Venturi, “colpevole” di aver proposto, attraverso la delibera del maggio 2016, indicazioni alle Aziende sanitarie sulla composizione e sulle competenze del personale sanitario sulle ambulanze.

La gravità della decisione, secondo il sindacato, risiede nel metodo e nella strumentalizzazione politica. L’adozione di un provvedimento disciplinare rivolto ad un medico che sta svolgendo esclusivamente funzioni politico-istituzionali, il cui giudizio spetta solo ai cittadini, è pericolosa e fuorviante.

Il 118 emiliano-romagnolo da sempre rappresenta un modello d’avanguardia nel panorama sanitario italiano, non si comprende quindi l’accanimento protezionistico di una parte dei medici rispetto a una riorganizzazione che ha puntato all’integrazione efficace dei professionisti, per un soccorso territoriale sempre più puntuale e capillare. FP e CGIL ritengono che, per poter soddisfare al meglio il bisogno di salute dei cittadini, il sistema del soccorso sanitario della nostra regione dovrebbe tendere al miglioramento degli standard qualitativi del servizio erogato, anche attraverso l’adozione di protocolli/linee guida validati e accreditati dalla letteratura scientifica internazionale.

Fermamente convinte che inutili “guerre” tra professionisti spostino il focus dal raggiungimento di tale obbiettivo, le organizzazioni sindacali ribadiscono il ruolo centrale della dignità dei professionisti e dell’organizzazione del lavoro in un settore delicato come il soccorso pubblico territoriale.

In fiduciosa attesa che l’esito del ricorso annunciato dall’assessore Venturi ribalti completamente i termini della vicenda, CGIL e FP CGIL Parma continueranno a sollecitare un dialogo tra professionisti in un quadro equilibrato di integrazione funzionale. Il tutto senza alcun pregiudizio e rigettando strumentalizzazioni politico-elettorali che ricadono esclusivamente sulla pelle dei lavoratori e dei cittadini.

Ufficio Stampa

(leggi anche: “Solidarietà a Venturi! E’ come se l’Ordine dei Giornalisti radiasse Salvini per la par condicio sull’immigrazione” – di Andrea Marsiletti)