I socialisti: “Le dimissioni di Scarpa lasciano l’amaro in bocca”

Abbiamo appreso con grande sorpresa, peraltro solamente dai media, la decisione di Paolo Scarpa di lasciare il ruolo di Consigliere Comunale, a poco più di 18 mesi dalle ultime elezioni amministrative. (leggi anche: Oggi è troppo facile pugnalare Scarpa. Morire non è un crimine – di Andrea Marsiletti)

Come socialisti parmigiani abbiamo appoggiato convintamente, già nella prima fase delle Primarie, la candidatura dell’homo novus, ritenuta adeguata e soprattutto fuori dagli schemi tradizionali di un centrosinistra per certi versi stanco e ripetitivo.

Le sue dimissioni dal Consiglio Comunale, seppur improvvise, non erano però imprevedibili e lasciano con l’amaro in bocca a chi ha lealmente creduto nell’esperienza della Lista Civica di Parma Protagonista, sin dalla sua costituzione.

Comprendendo le motivazioni personali che hanno portato il Consigliere Scarpa a compiere questo passo, non possiamo non ricordare che anche stando all’opposizione , si può fare politica per il bene della città, portare avanti un propria visione in termini sia di valori che di scelte amministrative, apportando un valido contributo alle politiche del centrosinistra di Parma, ancora oggi dichiaratamente fuori dalle corde del Sindaco di Parma.

Rinunciare ad esercitare un ruolo, sia esso di maggioranza, quanto di minoranza, come deciso dai cittadini, in democrazia è sempre un errore, per i cittadini che lo hanno comunque votato una ennesima sconfitta.

Spiace, quindi, che Paolo Scarpa abbia deciso di rinunciare ad essere presente nel più importante consesso pubblico cittadino, seppur possiamo comprendere le sue motivazioni personali.

Alla neo Consigliera Comunale, Caterina Bonetti, politica giovane e preparata, esprimiamo un caloroso augurio di buon lavoro nella prestigiosa istituzione cittadina, in cui siamo sicuri saprà far valere le proprie capacità.

La Segreteria Provinciale del Partito Socialista di Parma