Dall’Olio scatenato, attacca anche Pagliari: “La tua candidatura in un collegio blindato non è andata a buon fine”

foto: Parma Repubblica

E’ scatenato l’ex capogruppo del Pd Nicola Dall’Olio, che non si tira mai indietro quando c’è da fare polemiche interne pubbliche, con effetti sempre rovinosi per la sua parte. (leggi anche: Oggi è troppo facile pugnalare Scarpa. Morire non è un crimine – di Andrea Marsiletti)

Ieri, dopo aver sferrato un attacco durissimo a Paolo Scarpa (leggi), se la prende anche con Giorgio Pagliari.

Scrive su Facebook: “Caro Giorgio, che tristezza e che ristrettezza di vedute. A differenza di quanto fai tu da 20 anni con grandi risultati, seminare divisioni, il fine della mia scelta non era contro qualcuno ma per unire e allargare ad un’area civica che ha comunque raccolto il 13% dei voti e portato al ballottaggio con un’incollatura di distacco quando c’era chi sosteneva che ne saremmo rimasti fuori.

Purtroppo questa scelta non è andata poi a buon fine e me ne rammarico come d’altronde non è andata a buon fine la tua candidatura in un collegio blindato. Quindi le ragioni sono forse altre e vanno al di là di queste misere diatribe. Tra l’altro ai tempi delle primarie tra il capogruppo in consiglio comunale del tuo partito e uno che non aveva mai fatto nulla per il PD hai scelto il secondo.

Persona di grande affidabilità che:

1) non ha riconosciuto il risultato delle primarie;

2) non ha voluto candidarsi in consiglio nonostante ripetutamente gli sia stato chiesto di fare il capolista;

3) alcuni mesi fa ha lasciato il PD e si è dimesso dall’assemblea nazionale.

Diciamo che a fare errori di valutazione siamo stati in due… come tu ben sai, non ci si improvvisa in politica. Stai sereno.”