Tanti donatori, un unico abbraccio alla Pediatria d’urgenza dell’Ospedale Maggiore

La generosità di tanti per un unico grande obiettivo: mettere a disposizione della Pediatria d’urgenza dell’Ospedale dei bambini una centralina che controlla i monitor collocati in ogni stanza di degenza per misurare i parametri vitali dei piccoli pazienti. “Una strumentazione che ora abbiamo in tutti i reparti, preziosa – spiega il direttore della Pediatria d’urgenza Icilio Dodi – soprattutto in questo periodo dove si manifestano patologie respiratorie legate all’influenza. Con uno sguardo l’infermiere può così tenere sott’occhio ogni valore dell’attività cardiaca e respiratoria ed intervenire alla prima anomalia”.

La centralina è stata installata grazie al sostegno di diversi donatori, uniti in questo obiettivo dalla coordinatrice infermieristica Giuseppina Nicosia che questa mattina ha mostrato il frutto del loro impegno. A rispondere all’appello la ditta Manghi Fratelli di Fontanellato che ha ribadito il dovere etico di un’azienda ad investire nel proprio territorio “e in questo caso c’è un rapporto diretto e tangibile tra la donazione e il risultato” ha ribadito Giulia Massari, nel vedere lo scorrere dei numeri sullo schermo analizzati in tempo reale dal personale infermieristico.

Anche quella di Luca Adorni, titolare della Adorni Distribuzioni Grafiche con sede a Lemignano di Collecchio è stata una scelta aziendale, condivisa con i propri clienti: convertire i tradizionali regali natalizi in beneficienza. E l’intenzione è quella di continuare: “Dateci l’input e cercheremo di darvi risposte – ha ribadito Adorni –. Sono genitore e ho avuto modo di vedere quello che fate ogni giorno, è un modo per ringraziarvi”. All’acquisto dell’apparecchiatura hanno contribuito anche le colleghe e le amiche di Patrizia Fochi assaggiatrice storica della Barilla recentemente scomparsa che, rispondendo ad un desiderio del marito Massimo, hanno promosso una raccolta fondi il cui ricavato è stato devoluto alla Pediatria d’urgenza dell’Ospedale dei bambini. “Grate di far fronte alle vostre richieste” ha detto Lucia Chiastra ricordando l’amica Patty.

Ai ringraziamenti del direttore Dodi e della coordinatrice infermieristica Nicosia si sono uniti quella della responsabile Attività assistenziali Rita Dicembrino e del direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Massimo Fabi che ha ribadito come la donazione, in una struttura già all’avanguardia, abbia contribuito ad aumentare il livello di sicurezza per i pazienti e agevolare il lavoro del personale.