“Giardini Gourmet”: Parma svela la sua anima verde

«Se possedete una biblioteca e un giardino, avete tutto ciò che vi serve» affermava Cicerone più di duemila anni fa. Più recentemente, nel Novecento, il critico letterario Héctor Bianciotti sosteneva che «I giardini sono una delle forme dei sogni, come le poesie, la musica e l’algebra». Insieme, questi due aforismi sintetizzano alla perfezione lo spirito di “Giardini Gourmet”, al via a Parma nel weekend dal 10 al 12 maggio. È uno degli eventi clou nel cartellone 2019 del progetto Parma UNESCO Creative City of Gastronomy, promosso dal Comune di Parma e dalla Fondazione omonima, sotto la regia di Parma Alimentare e dell’associazione “Parma, io ci sto!”.

Il format studiato da Angela Zaffignani, paesaggista ed esperta di botanica, infatti, tesse insieme le tre identità di Parma. Innanzitutto, la sua dimensione verde e culturale: la città ducale è infatti disseminata di incantevoli giardini, dalle storie curiose e significative. Un patrimonio di grande valore, di cui però manca consapevolezza: molti di questi angoli verdi sono ignoti agli stessi abitanti di Parma, spesso perché di proprietà privata e normalmente non aperti al pubblico. In secondo luogo, come certificato da UNESCO nel dicembre 2015, Parma è Città Creativa della Gastronomia: qui nascono eccellenze DOP e IGP come Parmigiano Reggiano DOP, Prosciutto di Parma DOP, Culatello di Zibello DOP, Salame Felino IGP, Coppa di Parma IGP, Fungo di Borgotaro IGP. E, passando all’ambito enoico, i Vini DOC Colli di Parma. Parma è poi culla di altre filiere importanti come quelle della pasta (qui ha sede il primo player mondiale nella produzione di pasta), del pomodoro (è il primo distretto industriale in Italia nella trasformazione del pomodoro), delle alici (è infatti lontano dal mare che, specialmente in passato, era necessario sapere lavorare e conservare il pesce: le più antiche aziende italiane di conserve ittiche si trovano nella Food Valley parmense) e del latte (parmense è l’azienda leader nel settore in Italia). Infine, Parma è una città dalla grande tradizione musicale: il pensiero va immediatamente all’opera lirica e a grandi maestri di natali parmensi come Giuseppe Verdi e Arturo Toscanini. Appuntamento annuale imperdibile è il Festival Verdi, a cui recentemente si è affiancato Verdi Off, una rassegna di appuntamenti collaterali, curata dal Teatro Regio di Parma, che offre occasioni di incontro e scoperta della musica del Maestro a un pubblico eterogeneo per età e background culturale.

“Giardini Gourmet” lega insieme queste specificità di Parma: il verde, la cultura, il buon cibo e la musica. L’idea di Angela Zaffignani è quella di aprire agli abitanti, ai turisti, ai melomani, ai foodie e agli appassionati di gardening, alcuni dei cortili più affascinanti del centro storico di Parma, puntando sul connubio con proposte gastronomiche gourmet e con la grande musica. Già sperimentato con successo alcuni mesi fa, durante “Settembre Gastronomico”, questo format è reso possibile dall’impegno profuso da un gran numero di attori. La curatela gastronomica è di Parma Quality Restaurants, l’associazione – riunisce 28 chef, sotto la presidenza di Enrico Bergonzi – che rappresenta la migliore espressione della cucina parmense. A questo consorzio si affiancherà Silvano Romani, che firmerà le proposte culinarie in occasione delle date di domenica 12 maggio e domenica 2 giugno. Gli chef di Parma Quality Restaurants avranno il compito di studiare un ideale viaggio gastronomico tra i prodotti made-in-Parma: di fondamentale importanza è la collaborazione con i Consorzi di Parmigiano Reggiano DOP e Prosciutto di Parma DOP e con aziende come Barilla, Delicius Rizzoli, L’Isola d’Oro, Mutti, Parmalat, Rizzoli Emanuelli, Rodolfi Mansueto e Zarotti. La selezione musicale, di matrice verdiana, è invece curata da Teatro Regio di Parma – Verdi Off.

L’edizione primaverile di “Giardini Gourmet” prenderà il via venerdì 10 maggio per concludersi domenica 2 giugno: sette gli appuntamenti previsti, suddivisi tra quattro weekend consecutivi. Con l’esclusione dei tre eventi in programma nel weekend di apertura e dell’evento conclusivo, ogni serata avrà la forma di un walking tour, che toccherà due giardini distinti: il primo ospiterà l’aperitivo, il secondo un light dinner. Una curiosità: le date di “Giardini Gourmet” di sabato 18 e sabato 25 maggio sono state inserite nel calendario internazionale ufficiale di Chelsea Fringe, garden festival londinese emanazione del Chelsea Flower Show.

La partecipazione agli eventi “Giardini Gourmet” è esclusivamente su prenotazione, per un massimo di 100 persone a evento. I biglietti – prezzi a partire da 10 euro per i bambini e da 25 euro per gli adulti, diritti di prevendita esclusi – sono acquistabili online sul circuito VivaTicket.

Venerdì 10 maggio – Passeggiata e degustazione tra le rose
L’edizione primaverile di “Giardini Gourmet” si apre venerdì 10 maggio all’ex Convento di San Cristoforo. Uno spazio suggestivo voluto nel 1251 dalle monache benedettine di San Quintino e in origine destinato all’educazione delle fanciulle: oggi convertito in abitazione privata, l’ex Convento di San Cristoforo conserva arcate e capitelli rinascimentali e si caratterizza per aiuole e vialetti bordati di rose, oltre che per alberi da frutto. L’appuntamento è per le 19:30. Costo: 45 euro + prevendita

Sabato 11 maggio – Merenda nel Chiostro
Sabato 11 maggio, “Giardini Gourmet” dà appuntamento a bambini e adulti alle h 16:00, presso il Chiostro delle Maestre Luigine, per una merenda gourmet. Figlio di un complesso monastico dedicato a San Sepolcro, dal 1755 questo spazio ha avviato una prestigiosa tradizione educativa, da scuola dell’infanzia a scuola primaria. Il Chiostro si caratterizza per un gioco di arcate duecentesche, ridisegnate con eleganza rinascimentale, con colonne di arenaria. Costo: bambini: 10 euro + diritti di prevendita; adulti: 25 euro + diritti di prevendita.

Domenica 12 maggio – Brunch nel Giardino
Domenica 12 maggio, a partire dalle h 11:30, lo storico complesso delle Orsoline, nel cuore di Parma, ospita un brunch targato “Giardini Gourmet”. Questo educandato, già hortus conclusus, nato nel Seicento per iniziativa di Giovanni Varia, generoso uomo di chiesa, grazie all’aiuto del Duca Ottavio, ha accolto fanciulle in rappresentanza delle famiglie più altolocate della città ducale: Pallavicino, Fontana, Prati, Zilieri Del Verme Degli Obizzi. Costo: bambini: 15 euro + diritti di prevendita; adulti: 30 euro + diritti di prevendita.

Sabato 18 maggio – Walking tour “Il Giardiniere Goloso”
Sabato 18 maggio, a partire dalle h 19:00, Giardini Gourmet torna nella sua classica veste itinerante, con tappe in due incantevoli angoli verdi: l’Orto Botanico dell’Università degli Studi di Parma, con un Ginkgo biloba del 1791, affascinanti ambienti acquatici e un erbario rinomato, e i Chiostri del Conservatorio, nella quiete di quello che era il complesso di Santa Maria del Carmelo, convertito a scuola di canto nel 1769 e poi a conservatorio nel 1887. Qui il verde – calle, ortensie, ibisco e forsizie – sembra nutrirsi di musica. Previsti un aperitivo, all’Orto Botanico, e una light dinner (due portate e dessert), ai Chiostri del Conservatorio. Costo: 45 euro + diritti di prevendita.

Sabato 25 maggio – Walking tour “Muro, io ti mangio”
Sabato 25 maggio, a partire dalle h 19:00, Giardini Gourmet prevede due “soste” verdi nel cuore di Parma: la prima a Palazzo Marchi, giardino nel giardino, circondato da serra e palazzo con porticato, dalla fantasmagorica scenografia trompe l’oeil, dove verrà servito un aperitivo. La tappa successiva è al Convitto di Maria Luigia, nato già nel 1601 come Collegio dei Nobili, su iniziativa di Ranuccio Farnese, e più tardi annesso al Collegio Ducale proprio da Maria Luigia. Il giardino si caratterizza per le aiuole, ripensate negli anni Trenta, per le siepi di bosso che circondano una fontana tondeggiante e per un tempietto a otto colonne. Qui gli chef di Parma Quality Restaurants offriranno un light dinner, sulle note di un concerto a cura di Verdi Off. Costo: 45 euro + diritti di prevendita.

Sabato 1° giugno – Walking tour “Il prato è servito”
Sabato 1° giugno, dalle 19:00, Giardini Gourmet propone un tour gastronomico e musicale alla scoperta di due affascinanti angoli verdi della città di Parma: il Parco Ducale, con le Serre novecentesche della Limonaia e della Violetta, dai caratteri stilistici Art Nouveau, e il Chiostro della Santissima Annunziata, ultimato nel 1688 e annesso all’omonima chiesa, la cui prima pietra venne posta nel 1566. Qui si svolgerà un light dinner, con concerto a cura di Verdi Off. Il Parco Ducale sarà invece la cornice d’eccezione dell’aperitivo. Costo: 45 euro + diritti di prevendita.

Domenica 2 giugno – Déjeuner sur l’Herbe
Una piccola colazione sul prato: è questa l’esperienza offerta da Giardini Gourmet nella mattinata di domenica 2 giugno. L’appuntamento è alle h 10:30 presso il Parco Ex Eridania: uno spazio verde che prende il nome dall’ex zuccherificio, ora convertito dall’archistar Renzo Piano nell’Auditorium Paganini. Tracce di questo passato recente sono ancora visibili: ne sono un esempio le vasche un tempo destinate al lavaggio delle barbabietole da zucchero, oggi riempite di ninfee e affiancate da passerelle di legno. Costo: bambini: 15 euro + diritti di prevendita; adulti: 30 euro + diritti di prevendita.