“Movida spagnola” rumorosa: interviene la Polizia. Per 7 studenti spagnoli emesso un divieto di ritorno a Parma

Nella mattinata odierna, alle ore 7.00 circa, la Questura di Parma con 3 equipaggi della Sezione Volanti e l’ausilio di n. n. 2 pattuglie della Polizia Locale, intervenivano in Borgo Giacomo Tommasini per diverse chiamate di cittadini residenti che segnalavano, esasperati, musica ad altissimo volume diffusa già da diverse ore.

Gli equipaggi giunti sul posto, individuavano un balcone di pertinenza di una abitazione sita in Borgo Giacomo, Tommasini sotto il quale era visibile la presenza di rifiuti quali bicchieri, cuscini ed altre suppellettili evidentemente lanciati dalle finestre.

Nell’appartamento attenzionato, venivano rintracciati 17 giovani studenti universitari – di sesso maschile e femminile – aderenti al progetto ERASMUS, tutti di nazionalità spagnola e 1 di nazionalità italiana, docente di spagnolo, tutti tra i 20 e i 28 anni.

Gli stessi, visibilmente ubriachi, asserivano di aver festeggiato la fine del periodo di permanenza in Italia di alcuni di loro.

Condotti in Questura venivano compiutamente identificati, fotosegnalati e denunciati in stato di libertà tutti per disturbo del riposo e delle occupazioni, lancio di cose pericolose e, per due di loro, considerata la condotta tenuta in questi Uffici, scattava anche la denuncia per minaccia e resistenza a P.U.

7 studenti spagnoli sono stati altresì sottoposti a provvedimento di “divieto di ritorno nel Comune di Parma” per la durata di anni 3.