Anche Giuseppe Comerci sposa il progetto di Toti

Mai come in quest’ultimi tempi la politica è in continuo movimento e, proprio per questo, non bisogna avere paura del cambiamento. La scelta di Giovanni Toti, di andare oltre Forza Italia, insieme a tante persone da tutta Italia l’ho sentita anche mia sin dall’inizio.

Non a caso ero presente, con Francesca Gambarini e tanti altri amici del Parmense e dell’Emilia tutta, alla convention di Toti del 6 luglio, al teatro Brancaccio di Roma. Dopo anni, tanti anni, ho avuto il piacere e l’onore, di essere parte di una grande assemblea, di uomini e donne, felici per aver ritrovato la retta via politica che ormai da tempo Forza Italia aveva smarrito. Forza Italia, anche per l’età avanzata del fondatore, al quale vanno riconosciuti grandi meriti politici pregressi, manca di una guida politica autorevole ed una linea politica chiara che aveva consentito, in passato, di rappresentare una fetta consistente della popolazione italiana.

Ormai da tempo per me era diventato difficile considerare Forza Italia il mio partito. Va dato atto a Giovanni Toti di aver capito, per tempo, che il futuro di Forza Italia è nebuloso così come va riconosciuto il coraggio di costruire un nuovo soggetto politico che sia rappresentativo dei moderati del Centro Destra e che vede, senza tentennamenti, come compagni di strada La Lega di Salvini e Fratelli d’Italia della Meloni. Il nuovo Movimento politico “Cambiamo” è la mia nuova casa politica e mi auguro che lo diventerà per milioni di Italiani.

Giuseppe Comerci, consigliere comunale Fidenza