Negli eventi collaterali del Festival del Prosciutto si pigia l’uva con i piedi

In campagna la vendemmia è il momento di festa per eccellenza e il rito della pigiatura come avveniva in passato ci riporta indietro nel tempo, alle antiche usanze e tradizioni andate in disuso.

Per tornare alle origini e respirare l’atmosfera di una volta, tra gli eventi collaterali del primo weekend della XXII edizione del Festival del Prosciutto di Parma, con il patrocinio di Arga e Unaga, associazioni stampa specializzata agroalimentare, territorio e ambiente, sabato 7 settembre 2019 dalle 17.00 si potrà vivere l’emozione della pigiatura nelle antiche navasse a piedi scalzi, in mezzo al cortile del MARCELLO experience, un antico casale ristrutturato e immerso tra i vigneti, in strada della Buca 5 a Calicella di Pilastro di Langhirano sulle prime colline parmensi.

Pigiare a piedi nudi è un’esperienza multisensoriale di forte impatto che coinvolge tutti i cinque sensi: dal tatto, sentendo i chicchi d’uva sotto la pelle, la pressione degli acini e l’improvviso sprofondamento quando si rompono rilasciando il succo dell’uva, all’udito, con lo scoppiettio degli acini che si spaccano l’uno dopo l’altro nel loro ritmo incalzante e con la cascata del mosto nei secchi.

L’odore del mosto fresco, dolce e acre al tempo stesso, riempie le narici e pervade il corpo di nuove sensazioni. La vista è catturata dal colore intenso delle vinacce, che tingono le gambe, i tini e i secchi.

Infine si giunge al gusto: a fine pigiatura arriva il momento di cenare tutti insieme i cibi tipici della tradizione contadina come i salumi nostrani, a partire dal prosciutto di Parma, i formaggi con la gelèe di lambrusco, i crostini con la giardiniera fatta in casa, le focacce, le torte ripiene e salate, un bel piatto di tortelli di erbette accompagnati dai vini di Ariola e per finire le torte caserecce.

L’esperienza sarà arricchita anche da una visita guidata alle cantine della casa vitivinicola Ariola con la spiegazione di come viene prodotto oggi il vino, dalla vendemmia all’imbottigliamento.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare lo 0521 639461