Le nuove tecnologie per migliorare l’accessibilità ai luoghi della cultura di Parma2020

Hackability4Tourism tra i 27 progetti finanziati da Fondazione Cariparma
Mettere al centro i bisogni delle persone con disabilità, co-progettando insieme a loro soluzioni nuove, personalizzate, in grado di supportare i piccoli gesti della quotidianità producendo inclusione sociale e partecipazione: oggetti d’uso comune, ma anche oggetti complessi, soluzioni domotiche e presidi per la riabilitazione, studiati su misura, accessibili e scalabili.

Tutto questo grazie al coinvolgimento attivo di creativi, makers, designer, progettisti, studenti ed educatori e all’utilizzo consapevole delle nuove tecnologie di prototipazione rapida (stampanti 3D, elettronica open source etc), in un’ottica di co-progettazione. Questa è la metodologia Hackability, nata a Torino nel 2016 e che dal 2018 ha una sua delegazione (Hackability@Parma) in città con sede al FabLab Parma, il laboratorio di fabbricazione digitale nato all’interno di Officine On/Off (progetto e spazio innovativo promosso dall’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Parma ideato e co-gestito dalla Cooperativa Sociale Gruppo Scuola e l’Associazione On/Off).

Dalla sua ufficializzazione a dicembre 2018, il team locale di Hackability non ha tardato in attivare collaborazioni con soggetti, realtà e cittadini che da sempre operano sul territorio nell’ambito della tutela e valorizzazione della disabilità, organizzando incontri di co-progettazione e co-design aperti anche a professionisti del design e dell’artigianato digitale. Questo percorso ha permesso di raccogliere ulteriori bisogni e sviluppare progettualità a misura di città, soprattutto in vista di Parma Capitale della Cultura 2020. È da qui che nasce il progetto “Hackability4Tourism”, presentato dall’APS On/Off e selezionato tra i 27 progetti finanziati da Fondazione Cariparma con il Bando Parma 2020.

Con l’obiettivo di affrontare il tema dell’accessibilità del patrimonio museale e monumentale e della fruibilità turistica, Hackability4Tourism sperimenterà percorsi innovativi di coinvolgimento mettendo al centro la concreta esperienza d’uso dei luoghi della cultura cittadina da parte delle persone con disabilità, dal punto di vista strutturale (es. accessibilità, segnaletica ecc.), organizzativo (es. orari, conciliazione ecc.) e di approccio (es. soft skill del personale, problem solving ecc.). Stabilendo rapporti dinamici con l’intero territorio, il mondo dell’innovazione e della disabilità, il progetto si propone di riunire persone con bisogni particolari, designer, maker, progettisti e stakeholder volte a individuare soluzioni nuove accessibili basate sulla User Experience, in grado di migliorare la fruibilità e l’accessibilità dei luoghi e dei servizi turistici in vista di un evento di richiamo nazionale (e non solo) come Parma 2020.


I PROSSIMI STEP
Dopo la pausa estiva, mercoledì 9 ottobre alle 18.30 il team di Hackability@Parma organizza l’Aperitivo di (Ri)Lancio, un incontro aperto e gratuito rivolto a collaboratori, partner ed esterni per illustrare i risultati raggiunti ma soprattutto gli step progettuali futuri.

Mercoledì 9 ottobre 2019
Alle 18.30
c/o aula 3.0 del FabLab Parma
Strada Naviglio Alto 4/1 Parma