Il M5S dell’Emilia Romagna si spacca. Bugani: “Non presentiamoci alle regionali”. M5S Reggio: “Dobbiamo correre, da soli”

Max Bugani e Virginia Raggi

Il M5S dell’Emilia Romagna si spacca.

Max Bugani, il capo staff di Virginia Raggi, ancora consigliere comunale a Bologna e membro dell’associazione Rousseau, da giorni chiede che il M5s rinunci a correre per la Regione: “Sono stati fatti tanti errori, si sono perse tante persone. Un ciclo si è chiuso”, ha detto ieri sera intervistato da Piazza Pulita su La7. E seppur convinto che per il Movimento “non è il momento di sparire”, ha aggiunto: “Alle Regionali? Per me è meglio non presentarsi, è un fatto di serietà. Delle volte ricominciare da zero è un ottimo segnale, nella vita come nella politica”.

Contro questa strategia il M5S di Reggio Emilia che scrive: “PRIMO TAVOLO DI LAVORO ELEZIONI REGIONALI 2020 A REGGIO/ con la partecipazione dei consiglieri regionali Andrea Bertani e Giulia Gibertoni- Dagli attivisti e consiglieri della provincia di Reggio Emilia un messaggio forte e chiaro: il Movimento 5 Stelle alle prossime regionali deve correre e correre da solo fuori dai due poli e aperto eventualmente a liste civiche che vogliano appoggiare il nostro progetto! Valorizzare la sanità pubblica con riapertura dei punti nascite in Montagna, tutela della salute e dell’ ambiente contro assurde colate di cemento (vedi progetto autostrada regionale a pagamento Cispadana), contrastare politiche pro incenerimento e trivellazione proponendo alternative Rifiuti Zero vere e transizione energetica, trasporti sostenibili, tutela dei precari, del piccolo commercio e delle piccole e medi imprese aiutandole nella riconversione ecologica al centro dei primi spunti emersi. Solo il Movimento 5 Stelle che non è legato a nessuna lobby può affrontare liberamente questi temi e difendere i cittadini!”

In sostegno degli attivisti è arrivato anche l’ex ministro dei Trasporti Danilo Toninelli: “Siccome noi siamo il M5s, a me pare tanto che non candidarsi sia l’esatto opposto di quel ‘non mollare mai’ che da sempre ci ispira”.