La lapide ai reduci di Salò un’offesa alla nostra storia

07/09/2011
h.14.40

Sembrava che dopo le proteste sollevate dalle organizzazioni antifasciste e da tanti cittadini contro la collocazione della lapide ai caduti della Repubblica di Salò al cimitero della Villetta il progetto fosse stato finalmente abbandonato.
E invece no: sul fuoco pericolosamente revisionista continuano a soffiare in tanti, decisi a riscrivere una volta per tutte una pagina fondamentale della nostra storia. Lo fanno magari in sordina, così come è successo per la seconda posa della lapide oggetto di tante proteste lo scorso giugno, nella speranza che la cosa passi adesso, dopo l’estate di mezzo, inosservata, approfittando dei problemi che attraversano la città e la sua amministrazione e gli effetti della manovra economica del governo.
La lapide viene tra l’altro ricollocata quando non si è ancora sopita l’indignata protesta per la proposta di accorpare (come dire cancellare dalla memoria) le feste civili del 25 aprile, del primo maggio e del 2 giugno alla domenica successiva. Un segno evidente di come il clima che si vorrebbe fare respirare, a livello nazionale c a livello locale, sia esattamente lo stesso.
Se a tutti i morti va portato rispetto, ben altra cosa sono le valutazioni delle ragioni per le quali i repubblichini di Salò hanno combattuto, affascinati e ingannati da un progetto, quello fascista, scellerato e rovinoso.
La lapide posta al cimitero della Villetta è una manifesta volontà di falsare la nostra storia che va fermamente respinta. La memoria collettiva racconta la storia di una comunità, di un popolo, il nostro che ha voluto e ha sofferto per la libertà e la democrazia. Ricollocarla significa poi non rendere un buon servizio a coloro che vorrebbero ricordare i loro morti senza clamori.

Paola Varesi

(Paola Varesi, segretaria provinciale di Rifondazione Comunista di Parma)

___
Approfondimenti: le ultime interviste ai compagni
“Ci presenteremo alternativi al PD e al PDL che a Parma che sono sempre andati d’accordo”
“La Rivoluzione Cubana va avanti… con qualche cambiamento per resistere all’aggressione imperialista”
“Vogliamo un’altra città. Siamo alternativi a Vignali e al PD portavoce dell’Upi”
“La protesta sotto i Portici del Grano non si ferma. Vignali non ci provochi!”
“Il verbo gramsciano e la linfa vitale della fede cattolica alimentano il mio essere in politica”
“Il popolo di sinistra vuole rappresentanza nelle Istituzioni”
“La gente non è informata: purtroppo la città vede ancora bene l’amministrazione Vignali”
Il PD, a Parma e a Roma, ha proposte evanescenti e contraddittorie e sta con i poteri forti
Facciamo come il nord-africa… la rivoluzione è possibile anche in Italia!
L’unità dei comunisti fondata su basi teoriche e programmatiche per la rottura rivoluzionaria
La grande sfida dei prossimi anni sarà ricostruire un Partito Comunista unitario
No ad accordi col PD che sostiene il fascismo aziendale di Marchionne
Cuba è una democrazia, Fidel e Che Guevara due eroi alla pari della vittoria rivoluzionaria!
Ci ispiriamo agli ideali della Rivoluzione Cubana e della Resistenza Antifascista
Vogliamo unire la sinistra. Primarie anche a Parma per scegliere il candidato sindaco
La Classe Operaia ha bisogno di un Partito Comunista su base Marxista-Leninista
Il mondo della scuola è ancora orientato a sinistra… ma cos’è oggi la sinistra?
Il meglio di sè la cooperazione l’ha dato quando stava al fianco delle lotte, non oggi
Il perchè del busto di Lenin in piazza a Cavriago
Affidarci a Fini è come affidarci al lancio di souvenir di Tartaglia
Lottiamo per la rivoluzione proletaria!
Due i pericoli per Rifondazione: la subalternità e il settarismo
Il ruolo dei comunisti… tra il fare lo sciopero e il fare la rivoluzione
Meglio ripartire da Rifondazione. La piaga governista del PDCI è un problema della Federazione
Rifondazione nazionale prenda esempio dai compagni di Parma: decida da che parte stare e agisca
La Lega mette gli operai uno contro l’altro, ma il nemico è il padrone che ti compra per due soldi
Dentro Rifondazione si respira aria nuova
Sinistra comunista, alternativa e anticapitalista insieme
Errani non ha pregiudiziali anticomuniste
Il Comune di Parma poco incisivo contro le povertà