“A proposito di atto unilaterale…”

steam1121

29/09/2014
h.16.40

L’Amministrazione Comunale di Parma ha deciso, con una delibera di Giunta datata 10/9/2014, di procedere unilateralmente alla distribuzione delle risorse decentrate 2014 pur in assenza di un accordo con le rappresentanze sindacali.
Senza entrare nel merito dell’andamento generale della trattativa e del comportamento della delegazione trattante, che non ha accolto nessuna delle proposte di parte sindacale, uno dei punti di contrasto più grandi che ci ha impedito di sottoscrivere un accordo è stata l’assegnazione al progetto speciale “Elevazione del livello di efficienza e di efficacia dei servizi istituzionali tecnici e amministrativi di Parma Infrastrutture” di ben 50.000 euro.
Queste risorse sono destinate a compensare le attività svolte da personale del comune comandato presso Parma Infrastrutture.
Il numero delle unità di personale distaccato, inizialmente previsto in 30 persone, è recentemente diminuito in quanto è stato disposto con una determina dirigenziale del 31/7/2014 il rientro in comune di 15 dipendenti. Attualmente ne restano in distacco circa 10.
Inutile ricordare, poiché è dato noto a tutti, che Parma Infrastrutture registra una perdita di bilancio per il 2012 di oltre 14 milioni di euro (14.814.606 per la precisione). Nella stessa relazione dei Revisori allegata al bilancio preventivo 2013 si legge che si tratta di una delle situazioni più problematiche all’interno della galassia delle partecipate del comune di Parma.
E’ vero che in questo momento è in atto un’operazione di reintenalizzazione, ma tornando al costo del personale, ci sembra assolutamente squilibrato l’ammontare delle risorse destinate alle attività svolte da 25 persone per poco più di metà anno e 10 per i rimanenti mesi del 2014, rispetto alle risorse destinate a tutte le attività del comune.
Il raffronto è presto fatto, anche se con un inevitabile grado di approssimazione:
– totale risorse destinate a tutti i progetti delle varie attività (Polizia Municipale, servizi demografici, sociali, educativi, ecc.): euro 299.000, personale destinatario 1.285, media pro-capite 232,85 euro
– totale risorse attività Parma Infrastrutture: euro 50.000, personale destinatario 25 per 7 mesi / 10 per 5 mesi, media pro-capite 1.552 euro.
Pur riconoscendo la necessaria differenziazione sulla base delle specificità, lo squilibrio tra il costo medio di un’attività incentivata svolta all’interno del comune, piuttosto che di un’attività svolta all’esterno ci appare evidente e ci rafforza nella nostra convinzione che non potevamo, come OOSS, sottoscrivere un accordo che contenesse un’atto illegittimo.

Sauro Salati FP CGIL,
Matteo Casetti FP CISL
Carla Schiappa UIL FPL