“Apprezziamo l’inziativa dei cani antidroga”

Lombatti

27/06/2009
h.19.00

“Il PD, soprattutto quello di Parma, non riesce ancora a comprendere che il problema sicurezza non è solo percepito dai cittadini ma è reale e serio e va affrontato da tutte le istituzioni pubbliche non solo dallo Stato e dalle forze dell’ordine”. Questo il commento del Coordinatore provinciale del PDL, Luigi Giuseppe Villani, all’indomani dell’acceso dibattito in Consiglio comunale a Parma che ha visto da una parte l’assessore Fecci e la maggioranza sostenere l’iniziativa dei cani antidroga della Polizia municipale e dall’altra fortemente critica la minoranza con in prima fila gli esponenti del PD.
“Quella dei cani antidroga è una iniziativa condivisibile con la quale l’amministrazione comunale di Parma vuole appunto fare la sua parte per la sicurezza dei suoi cittadini ovviamente nei limiti che gli sono consentiti
dalle leggi in uno dei campi, quello della droga, in cui si avverte maggiormente la necessità di intervenire – ha quindi proseguito Villani – L’idea è quella di usare questo gruppo cinofilo per tenere lontani dalle scuole e da altri luoghi pubblici ad alta concentrazione di giovani, gli spacciatori di droghe visto anche che tale servizio non è nella disponibilità della Polizia di Stato e dei Carabinieri locali.
Certo non è l’iniziativa risolutiva di un problema così complesso, essa però può limitare non solo lo spaccio degli stupefacenti ma anche l’adescamento degli stessi giovani verso l’utilizzo di quelle sostanze vietate e nocive per la loro salute ed il loro futuro. Il Sindaco di Parma, unitamente all’assessore Fecci ed al Comandante della Polizia municipale, fanno dunque bene ad andare avanti con questa iniziativa, senza curarsi della pretestuosa polemica scatenata dagli esponenti parmigiani del PD incapaci di capire che forse non è un caso che uno dei pochi sindaci di grandi città del loro partito confermati nell’ultima tornata elettorale, è quello di Padova Zanonato, il quale ha fatto una seria politica sulla sicurezza ed ha tra l’altro sperimentato con successo proprio il servizio dei cani antidroga della Polizia municipale”.