Campari: “Ancora una volta Bruxelles contro la nostra filiera della carne”

“Gli imprenditori del settore delle carni e le associazioni di categoria che chiedono norme certe a tutela della filiera hanno visto anche oggi le loro istanze deluse dal voto dell’europarlamento che salva il cosiddetto “veggie burger”, cioè l’accostamento di termini tipici dell’industria della carne ad alimenti che con la carne non hanno nulla a che fare.

Ancora una volta l’Europa dimostra la propria distanza siderale dalle richieste dei territori, tra cui il nostro, che producono le eccellenze alimentari che tutto il mondo conosce e che Bruxelles non tutela da plagi e contraffazioni.

Un intero comparto produttivo chiedeva in concreto di approvare tutti quegli emendamenti che avrebbero proibito l’utilizzo improprio dei termini più comuni degli alimenti di carne, e invece il Parlamento non si è schierato, punendo la filiera dei nostri produttori, da anni alle prese con una concorrenza subdola e sleale. La Lega continuerà la battaglia a fianco dei nostri imprenditori per cambiare le norme che danneggiano la nostra filiera alimentare”.

Così Maurizio Campari, senatore parmigiano della Lega.

lodi_12dic