Coppia gay aggredita davanti al Regio

Lombatti

31/07/2012
h.16.00

ParmaGaily, la finestra sul mondo gay, lesbo, trans e bisex di Parma. 

Eravamo abituati a pensare che a Parma la cosa peggiore che potesse capitare ad una coppia di omosessuali fosse l’indifferenza o tutto al più una diffidenza e un’ostilità che si fermasse agli sguardi. Lo scorso sabato pomeriggio invece, in pieno giorno e in pieno centro, davanti al Teatro Regio, una coppia di ragazzi gay sono stati insultati e presi a sputi in faccia “colpevoli” solo di camminare mano per la mano.
L’Ottavo Colore, che da anni è impegnato in una battaglia quotidiana contro l’omofobia e ogni forma di discriminazione, non può che esprimere una condanna durissima per questo gesto barbaro, che sembra far tornare la nostra città indietro di anni.
Troviamo inaccettabile che nel 2012 gay e lesbiche non possano tenere per mano il proprio compagno o la propria compagna senza rischiare linciaggi pubblici. Oltre ad esprimere la nostra più completa solidarietà ai ragazzi coinvolti ci teniamo quindi a conferamere il nostro impegno per fare di Parma una città più aperta dal punto di vista del rispetto delle minoranze sessuali, in modo che nessuno debba temere di manifestare liberamente i propri affetti e la propria individualità.
Di passi avanti pensiamo grazie al nostro lavoro, e lo diciamo senza finta modestia, se ne sono fatti tanti a Parma, ma questo brutto episodio ci ricorda che la strada per una completa uguaglianza ed un piano rispetto di gay e lesbiche da parte di tutti è lunga. Ma noi vogliamo arrivarci in fondo.

L’Ottavo Colore
Associazione LGBT di Parma  e provincia

___
31/07/2012
h.16.30

L’associazione Radicale Certi Diritti Parma condanna la violenta ed inaccettabile aggressione che ha colpito una coppia di ragazzi gay, insultati e presi a sputi in faccia , sabato pomeriggio, in pieno giorno e in pieno centro, davanti al Teatro Regio.
Siamo di fronte ad una odiosa manifestazione di omofobia e le dimostrazioni di solidarietà alle vittime non bastano; il caso di cui abbiamo notizia è un forte campanello di allarme che non si tratta di un episodio isolato, ma che c’è una vasta area di disagio e di sottocultura che produce azioni di questo tipo.
Occorre che anche l’amministrazione comunale prenda una posizione di netto dissenso e intervenga con atti istituzionali inequivocabili al fine di prevenire aggressioni basate su pregiudizi omofobi.
Chiediamo perciò un incontro urgente con il Sindaco Pizzarotti, per la riattivazione del già esistente “tavolo sull’omofobia”, che veda coinvolte le Associazioni cittadine accreditate presso l’amministrazione comunale: Agedo, Certi Diritti Parma, Ottavo Colore e Queer Seed.

Paola Tetrallini Montermini
Associazione Radicale Certi Diritti Parma

Luca Marola
Radicali Italiani