Dalla Regione Emilia Romagna un milione e mezzo di euro a Parma Capitale Italiana Cultura 2020

steam1121

Un assestamento del Bilancio della Regione Emilia Romagna, porterà nelle casse del Comune di Parma, con un accordo specifico, un ulteriore milione e mezzo di euro per “Parma capitale italiana della cultura 2020”.

Nuove risorse per welfare e sviluppo dei territori, frutto di risparmi e maggiori entrate derivanti dal recupero dell’evasione fiscale – circa 18 milioni – andranno a sostenere interventi in tutta l’Emilia Romagna per complessivi 55 milioni di euro.

La Giunta di Bologna ha suddiviso gli investimenti, tra l’altro, per sanità, (12,6 milioni di euro), impiantistica sportiva (10 milioni), fondo delle Province (7,8 milioni), banda ultra-larga e agenda digitale (5,2 milioni), ripristino delle strade provinciali (3 milioni), fondi per l’abbattimento delle barriere architettoniche (1,4 milioni), fondi per imprevisti calamità naturali (3 milioni), acquisto di auto ibride (1 milione) e riduzione dei costi degli abbonamenti dei bus (500mila euro).

Parma sarà investita in particolar modo da questa distribuzione di risorse, grazie alla vittoria di Capitale Cultura 2020.

“Ringraziamo la Regione Emilia Romagna dell’attenzione che ha riservato a Parma” commenta il Sindaco Federico Pizzarotti “La destinazione di importanti risorse verso la nostra città vede premiata ancora una volta un’attività strategica che coglie identità ed eccellenze in cammino verso il traguardo del 2020, ma più ancora verso l’integrazione delle città emiliane e verso il loro posizionamento a livello turistico, attrattivo, culturale e di valorizzazione del patrimonio storico artistico sia in ambito nazionale che internazionale”.

“La Regione Emilia Romagna è stata sempre vicina alle tre città emiliane candidate, durante il percorso di avvicinamento alla proclamazione” commenta l’assessore alla Cultura del Comune di Parma Michele Guerra. “La Regione ha fatto sua la vittoria di Parma sentendola un motivo di orgoglio per l’intera regione, e non soltanto per l’area vasta – Parma, Piacenza, Reggio Emilia – che dovrà capitalizzare il risultato. Lo sforzo economico che compiono ora è indicativo di una notevole fiducia nei confronti della nostra città, ma anche il segno di come il 2020 sia ritenuto un anno strategico per la crescita culturale dell’intero territorio”.