Dalla Regione risorse per le RSA: passa in Consiglio la linea della Lega (approvata assieme a una risoluzione del Gruppo PD)

Fabio Rainieri

Passa in aula la linea del gruppo Lega Salvini Emilia-Romagna per impegnare la Giunta regionale a reperire al più presto risorse per sostenere RSA in difficoltà economiche a causa dell’emergenza sanitaria per l’epidemia di Covid 19.

“Finalmente la Regione si impegnerà per risolvere l’emergenza economica che ha messo in ginocchio le Rsa” hanno commentato i consiglieri regionali parmigiani del Gruppo Lega Emilia-Romagna, Fabio Rainieri, vicepresidente dell’assemblea legislativa dell’Emilia Romagna ed Emiliano Occhi, primo firmatario della risoluzione leghista approvata assieme ad una risoluzione successiva presentata dal Gruppo PD.

Nell’atto i leghisti hanno spiegato come “ai mancati introiti legati all’assenza o al forte rallentamento del turnover degli ospiti a causa della pandemia in corso, si aggiunge l’aumento delle spese che le case di riposo sono costrette ad affrontare per garantire le misure di sicurezza”.  E hanno portato alla luce gli ulteriori problemi, quali le “frequenti assenze per malattia” degli operatori che, unite agli “ulteriori compiti assistenziali e organizzativi richiesti”, sottopongono i dipendenti delle Rsa “a carichi di lavoro di molto superiori a quelli regolati da contratto”.

“I decreti governativi non hanno previsto per queste strutture l’estensione delle misure speciali di salvaguardia economica come la cassa integrazione e il differimento dei mutui e delle tasse. Molti dei gestori devono ancora vedere i rimborsi degli stipendi anticipati dall’inizio dell’emergenza sanitaria” hanno denunciato i due consiglieri parmigiani, lanciando un allarme: questi deficit “potranno essere recuperati, unicamente e solo in parte, attraverso l’aumento delle rette, che graveranno dunque sugli assistiti e sulle loro famiglie”.

Secondo Occhi e Rainieri “il collasso di queste strutture porterebbe a un aggravamento della crisi socio-economica in atto. Sappiamo che qualcosa è stato fatto ma il problema permane e purtroppo da dieci giorni a questa parte si è verificata una recrudescenza dell’epidemia che comporterà, con ogni probabilità, ulteriori limitazioni e le Rsa saranno ancora una volta pesantemente colpite”. Da qui la richiesta alla Regione di intervenire con “aiuti economici”. Una proposta sposata dall’intera assemblea.