Domani sciopero dei lavoratori della Columbus con presidio in piazza Garibaldi

I lavoratori Columbus saranno nuovamente in sciopero nella giornata di domani, martedì 4 agosto. A partire dalle ore 9.30 saranno in presidio in piazza Garibaldi a Parma.

Mortificati e avviliti dalla indisponibilità a qualsiasi tipo di confronto e spaventati dalla assenza di prospettive alternative ai licenziamenti al termine del periodo di divieto generalizzato, non intendo-no comunque arrendersi alla arroganza di chi non risponde neppure alle richieste di Comune di Par-ma, regione Emilia Romagna e Prefettura di Parma.

FLAI, FAI e UILA con la RSU proclamano quindi 8 ore di sciopero a sostegno della complicata vertenza, per portare la proprietà Columbus, Franco Freddi e i suoi consulenti e collaboratori, ad un confronto responsabile verso i lavoratori che stanno licenziando e le loro famiglie. Obiettivo comune dovrebbe essere la ricerca e la pratica di tutto quanto previsto dalla legge per attenuare le ricadute sociali della imminente crisi occupazionale, utilizzando gli ammortizzatori sociali ed i percorsi di ri-collocazione previsti dalla normativa.

Istituzioni del territorio e Prefettura stanno dimostrando sensibilità istituzionale e reale coinvolgi-mento nella vertenza. La vicenda dei lavoratori Columbus, in pieno periodo di emergenza sanitaria, è esemplare di quello che potrà succedere una volta ripristinata la possibilità di licenziare: per questo è molto di più di una semplice vertenza aziendale.

La lotta dei lavoratori Columbus vuole mettere un argine a chi crede che chiudere una azienda di queste dimensioni non comporti nessuna responsabilità nei confronti dei lavoratori e del territorio nella quale si trova. Per questo motivo, nel rispetto delle prescrizioni su dispositivi di sicurezza e di-stanziamento sociale, tutti i cittadini che ne hanno disponibilità sono chiamati a solidarizzare con i lavoratori Columbus martedì 4 agosto, dalle ore 9.30, in piazza Garibaldi.

Ufficio Stampa CGIL Parma