Fidenza: arrestata una coppia specializzata nel sottrarre oggetti preziosi con la “tecnica dell’abbraccio”

proges_4_21

Il metodo utilizzato è più o meno sempre lo stesso. I ladri girano in macchina e battono il territorio alla ricerca di prede idonee, spesso persone deboli, da raggirare in attesa di colpire. Anche oggi, a Busseto in Via Beato Orlando, attorno alle ore 15.00, dopo aver effettuato alcuni passaggi in una zona residenziale periferica, una donna è scesa da una macchina, condotta da un uomo, e ha avvicinato un anziano a passeggio con il cane.

Con la scusa di chiedere indicazioni stradali, ha attaccato bottone, in maniera spigliata e convincente. Ricevute le indicazioni che cercava è andata oltre, spingendosi fino agli apprezzamenti personali, culminati con l’immancabile richiesta di abbraccio. A quel punto, come da copione, è scattata l’azione criminale: la giovane ha strattonato violentemente l’uomo, strappandogli via, con pochi gesti rodati, un orologio in oro del valore di oltre 3000 euro.

L’anziano, attonito, si è trovato in terra dolorante, non ha potuto far altro che chiamare aiuto, venendo soccorso da alcuni abitanti della via. Mentre i primi chiamavano il 112, altri si sono posti all’inseguimento della donna, che tentava di raggiungere con foga il sodale in attesa in auto, poco distante. Poco prima di essere raggiunta, ha gettato l’orologio a terra, urlando di lasciarla in pace, e riuscendo a salire in macchina. Altri passanti hanno annotato la targa comunicandola ai Carabinieri di Busseto, giunti in pochi istanti sul luogo. Tramite la centrale di Fidenza sono state diramate le ricerche, con descrizione di vettura e occupanti. Nel giro di pochi minuti, transitando nel comune di Roccabianca, i due rapinatori sono stati raggiunti e bloccati dalla pattuglia della Stazione del paese.

Stranieri di origine, di 29 e 28 anni, di etnia sinti e senza fissa dimora, i Carabinieri di Fidenza, visti i gravi indizi di colpevolezza per concorso in rapina e l’evidente pericolo di fuga, li hanno sottoposti a fermo di indiziato di delitto. I due sono stati associati ai carceri di Parma e Modena, in attesa della convalida del fermo, che avverrà nei prossimi giorni.

L’orologio, recuperato, è stato già restituito alla vittima, che nel frattempo è dovuta ricorrere alle cure mediche per una brutta ferita al braccio. La vettura utilizzata per la rapina è stata sequestrata.

Ora i Carabinieri della Compagnia di Fidenza, sta verificando se la coppia di rapinatori possa essere responsabile di episodi analoghi avvenuti nelle scorse settimane.

Comando Provinciale Carabinieri di Parma