Fontanellato, Centro Cardinal Ferrari: preoccupazione di CISL FP Parma per 10 lavoratori

Casa Bambini
lodi_maggio24
kaleidoscopio
SanMartino
Danilo Alzapiedi

CISL Fp esprime forte preoccupazione per l’intenzione, da parte di KosGroup, di cedere un ramo d’azienda che metterebbe in grave difficoltà economica parte del personale attivo presso il “Centro Cardinal Ferrari – Santo Stefano Riabilitazione” di Fontanellato, in particolare i 10 addetti alle pulizie.

Danilo Alzapiedi, funzionario della CISL FP Parma Piacenza, sottolinea che “Tutto il personale dipendente, sanitario e non, si era già visto trasformare il contratto il 1° gennaio 2021 – da “ARIS RSA” a “AIOP Sanità privata” – che aveva portato miglioramenti salariali ed un trattamento più adeguato. Ora – spiega Alzapiedi – dopo solo 12 mesi, KOSGroup vuole tornare al vecchio contratto, dopo aver approfittato di una delibera regionale che ha consentito alla società di risparmiare sui costi sostenuti. Quei 10 lavoratori si ritroveranno così in una situazione peggiorativa, dal momento che il nuovo contratto prevede più ore rispetto al precedente (da 36 a 38) ma salari più bassi. Questo significa che un addetto alle pulizie, attività indispensabile in un contesto sanitario già in forte difficolta, lavorerà di più guadagnando tra il 16 e 20% in meno rispetto alla retribuzione prevista dal precedente contratto”.

“Kos Group ha deciso il cambiamento anche in altre regioni italiane ma nella nostra regione – ribadisce il funzionario CISL Fp –  l’azienda ha potuto sfruttare la delibera che gli ha consentito di ottenere sgravi fiscali nel caso fossero passati al contratto che oggi vogliono abbandonare.  L’impressione è che il gruppo abbia acconsentito il cambiamento nel 2021 solo ed esclusivamente per ottenere le agevolazioni economiche di cui sopra e non per legittimare e motivare il proprio personale, che oggi infatti si trova ad affrontare una condizione di retrocessione lavorativa in un momento in cui il costo della vita aumenta a livelli stellari. La CISL Fp Parma – conclude Alzapiedi – chiede pertanto che venga mantenuto il contratto stipulato un anno fa, al fine di rispettare le professionalità fin qui impiegate.”

 

 

lodi_maggio24
Casa Bambini
SanMartino
kaleidoscopio