Gli atei e agnostici di Parma. “Abbiamo apprezzato l’intervento di Freddi”

proges_4_21


L’UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) di Parma desidera ringraziare il consigliere comunale Marco Maria Freddi per l’intervento giusto e coraggioso che è stato pronunciato presso il Consiglio comunale a Parma all’indomani delle celebrazioni in tutta Italia dei 150 anni della Breccia di Porta Pia. (LEGGI)

Nei suoi contenuti e suoi auspici esposti l’UARR si riconosce appieno. Quindi, non soltanto rinnoviamo i nostri ringraziamenti personali nei confronti di Marco, ma ci auguriamo che anche altri esponenti politici come lui, tanto municipali quanto nazionali, assumano in sé l’onestà e la voglia di dichiarare la propria posizione rispetto al ruolo della Chiesa in Italia, senza il timore di contrastarla.

Il suo discorso è stato occasione per evidenziare l’importanza di questa celebrazione, in un Paese ancora immaturo nei confronti della laicità, come dimostra il recente accordo siglato tra INPS e Caritas che consente a quest’ultima di gestire le domande dei bonus per i meno abbienti presso le proprie strutture e quelle degli uffici municipali. E lo dimostra anche la nomina da parte del ministro della Salute Roberto Speranza del Mons. Vincenzo Paglia, già “Gran cancelliere del Pontificio Istituto Teologico per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia” (sic!), quindi dirigente di uno Stato estero ingerente negli affari del nostro, a guidare la commissione italiana per la riforma dell’assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana.

Emerge ancora oggi, a 150 dalla famosa Breccia di Porta Pia, un infantilismo politico e mediatico del nostro Paese nei confronti di tematiche che non dovrebbero assolutamente essere gestite da rappresentanti di Stati teocratici esteri, soprattutto se i soldi… giungo interamente dalle tasche dei contribuenti italiani.

Unione Degli Atei e Degli Agnostici Razionalisti – Circolo di Parma

AV