Guardamagna (M5S): “Le ricette di Bonaccini per l’ambiente sono come curare un decapitato con un Moment”

L’altra mattina ho accompagnato mia figlia che inizia la prima elementare a Collecchio e a sorpresa vi è stata l’inaugurazione della nuova scuola, un edificio del 1962 ristrutturato e dotato di antisismica. Autorità al completo e parole spese sul bene della comunità e l’importanza dell’intervento fatto. Inno nazionale e anche un po’ di commozione. Ci sta tutto, ed è giusto e comprensibile. Ho apprezzato.

Dopo 30 minuti prende la parola il presidente della regione ER, Stefano Bonaccini, che per 15 minuti parla dell’importanza di due valori: sicurezza e ambiente. Su quest’ultimo ricorda che è appena tornato da San Francisco, invitato a partecipare al Global Climate Action Summit, dove si è parlato di cosa fare per proteggere l’ambiente… e qui parte in quarta, coi bimbi ormai stanchi di star fuori ad aspettare, svelando che la giunta regionale avrebbe approvato eco incentivi – sul modello di quanto già avviene in Lombardia – per favorire l’acquisto di auto ibride, con bollo già pagato, e riesce a legare il discorso ai bambini che nascono in Africa e sono già connessi (via web?), etc…

Sentire uno che fa parte del PD che ha voluto gli inceneritori e supporta IREN che fa affari con l’incenerimento dei rifiuti – che purtroppo si accompagna all’incenerimento della salute degli abitanti, vedi il caso di Parma – mi ha dato una sensazione strana.

Vedi come dimostra rispetto dell’ambiente in cui vivono i bambini presenti oggi a Collecchio! Come curare la decapitazione con un Moment per il mal di testa! Questa tirata un po’ orwelliana sugli “exploit” politici ci stava di meno, ed era un po’ meno comprensibile rispetto all’orgoglio per aver ristrutturato la scuola. Domanda: ma se a San Francisco avessero saputo cosa fa realmente, Bonaccini l’avrebbero invitato per parlare di protezione dell’ambiente? Mah…

Alessandro Guardamagna

(M5S)