Guerra: “Affrontiamo una volta per tutte la fragilità idrogeologica”

confartigianatomaggio
Contabile_giugno24

“Il torrente Parma scorre deciso e quasi pacificato, trasformando l’aspetto della città. Scorre nel suo letto, la gente lo osserva e lo fotografa dai ponti e sembra non averne più paura. Eppure sono state mattine, pomeriggi, sere e notti di riunioni, di sale crisi, di sopralluoghi, di previsioni, di dati, di misure, di allerte, telefonate, messaggi, azioni porta a porta nelle zone di più forte emergenza climatica.”

Lo scrive il sindaco Guerra sulla sua pagina Facebook. “Sono state giornate di confronti tra professionisti, tra dirigenti, giornate di generosità dei volontari, di responsabilità di sindache e sindaci del nostro territorio sempre presenti ad ogni convocazione e costantemente operativi tra i confini dei loro Comuni e non solo. Dietro le telefonate dell’Alert System, dietro le comunicazioni ufficiali, i bollettini, le allerte e perfino dietro i post sui social c’è l’efficienza e la competenza dei tanti Enti preposti alla sicurezza dei nostri territori e delle donne e degli uomini che per giorni hanno continuato senza sosta e senza orari a lavorare per noi.

Ora l’emergenza è rientrata, ma abbiamo visto che basta poco, alcune ore di pioggia, perché si ripresenti. Già giovedì i previsori ci dicono che potrebbero manifestarsi nuove condizioni di criticità. E allora questo sistema si riattiverà, organizzato, reattivo e preparato. Dobbiamo un grande grazie a tutto quel che non si vede e che silenziosamente ci mette al sicuro. So che in tanti lo sanno, ma in questi tre giorni ho visto anche che sono un bel po’ quelli che non ne hanno la minima idea.

Ora è il momento di affrontare una volta per tutte la fragilità idrogeologica della nostra regione e del nostro paese, facendolo con un piano pluriennale di azioni concrete, affidandosi a chi ha competenza ed esperienza, e garantendo finanziamenti adeguati.

Non è più pensabile tamponare le emergenze di volta in volta o vivere in uno stato permanente di allerta”.

Casa Bambini
SanMartino
kaleidoscopio
lodi_maggio24