I dipendenti di Parmalat e Nuova Castelli in campo per pulire l’argine del Taro e rigenerare il suo parco

In occasione del World Cleanup Day, i dipendenti di Parmalat e Nuova Castelli, insieme alle loro famiglie e ai volontari di Legambiente, hanno deciso di unire le loro forze per ripulire il Parco Fluviale del Taro. Il fine è quello di farlo ritornare un’oasi naturale e incontaminata, con un percorso naturalistico destinato soprattutto ai bambini del territorio. Questa iniziativa rappresenta un ulteriore impegno verso il territorio del Gruppo Lactalis, di cui Parmalat è parte, e arriva una sola settimana dopo l’appuntamento “Insieme si impara a stare bene” promosso per educare grandi e piccoli alla corretta alimentazione e alla sostenibilità ambientale nell’ambito del Settembre Gastronomico 2021.  

Sono oltre 80 i dipendenti che hanno deciso di dedicare il loro tempo libero a questo progetto, con l’obiettivo di far sentire la propria vicinanza sul territorio, attraverso un’azione concreta di cui tutti i cittadini possano beneficiare.

La pulizia dell’argine del fiume Taro rientra all’interno del più ampio progetto di recupero ambientale che il Gruppo Lactalis, di cui Parmalat e Nuova Castelli fanno parte, conduce a livello nazionale e internazionale in occasione del World Cleanup Day. Nello specifico, in Italia il programma coinvolge in contemporanea 4   regioni – Emilia-Romagna, Lombardia, Lazio e Sicilia – dove i dipendenti di Lactalis si occuperanno della pulizia del Parco Nord a Milano, del quartiere Casal Monastero a Roma e del parco Gioeni a Catania, oltre al Fiume Taro a Parma

Al termine dell’attività i rifiuti raccolti, in maniera differenziata, saranno pesati e conferiti alla società municipalizzate delle aree interessate per restituire ai partecipanti il valore concreto delle azioni realizzate.

In linea con il nostro impegno di porre in campo azioni concrete e utili al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, aderiamo con convinzione a questa giornata perché crediamo che anche un piccolo contributo possa portare a grandi benefici. Con questa iniziativa vogliamo stimolare le persone ad agire e a cooperare partendo da ciò che hanno di più caro, ovvero tutelando i luoghi e le bellezze dei territori in cui vivono”, afferma Vittorio Fiore, Communication, Regulatory & Public Affairs Director Lactalis Italia.