Il KilometroVerdeParma fa tappa a San Secondo

steamdic2020

Promuovere la tutela dell’ambiente, valorizzare alberi e zone boschive, contribuire a ridurre l’inquinamento: sono questi gli scopi della Giornata Nazionale degli Alberi, istituita dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare nel 2013.

Anche il Consorzio Forestale KilometroVerdeParma ha deciso di aderire a questa iniziativa, che viene celebrata il 21 novembre di ogni anno: lo fa portando avanti in contemporanea tre interventi, tra il territorio cittadino e la provincia, per un totale di circa 650 nuove piante messe a dimora.

“Siamo una realtà ancora piccola, che conta al momento 13 tra soci ordinari e soci sostenitori, ma estremamente dinamica – spiega il Presidente del Consorzio Forestale KilometroVerdeParma Maria Paola Chiesi -. Nonostante le difficoltà legate all’emergenza Covid-19, che ha complicato le cose, abbiamo voluto onorare gli impegni assunti un mese fa, quando ci siamo presentati alla città: la ricorrenza della Giornata Nazionale degli Alberi è perfetta, perché ci permette di mostrare il nostro approccio fattuale al problema della tutela dell’ambiente. Ha poi una valenza particolare perché conferma la nostra propensione al dialogo con due mondi particolari: da un lato, la Scuola, fondamentale perché il rispetto del patrimonio ambientale e paesaggistico non può prescindere da interventi educativi che coinvolgano le giovani generazioni; dall’altro, le Istituzioni”.

La Giornata Nazionale degli Alberi ha visto il Consorzio Forestale KilometroVerdeParma impegnato su tre fronti d’azione, tutti sotto il patrocinio della Regione Emilia-Romagna.

Il primo è rappresentato dalle aree verdi dell’ITIS “Leonardo da Vinci”, in via Toscana, a Parma. L’istituto superiore cittadino ha aderito con 44 classi al progetto educativo WeTree, che il Consorzio ha promosso insieme con ARPAE – Agenzia Prevenzione Ambiente Energia Emilia-Romagna, Festival dello Sviluppo Sostenibile di Parma, Legambiente, WWF Parma e Manifattura Urbana: attraverso l’alternanza tra momenti formativi, in aula o a distanza, e uscite sul territorio e applicazioni sul campo, WeTree mira a sensibilizzare e informare gli studenti sull’importanza e sul valore dei boschi perenni e del verde urbano per la collettività. Si pensi, ad esempio, al contributo che le piante possono dare alla sottrazione di anidride carbonica dall’atmosfera, alla riduzione dell’inquinamento da particelle sottili e acustico, al miglioramento della qualità del suolo e del benessere psicofisico delle persone. In via Toscana, nella giornata del 21 novembre, il Consorzio Forestale KilometroVerdeParma ha provveduto alla piantagione di una novantina di piante, tra farnie, frassini, ciliegi, bagolari, carpini bianchi, gelsi, mirabolani e ornielli. Una valenza particolare ha avuto la messa a dimora di un raro esemplare di Ginkgo Biloba Hibakujumoku, donato dall’Associazione “Mondo Senza Guerre e Senza Violenza”. Hibakujumoku è un termine giapponese utilizzato per indicare un albero esposto ai bombardamenti atomici del 1945: il Ginkgo Biloba piantato dal Consorzio KilometroVerdeParma arriva da Hiroshima e ha saputo rigenerarsi. Ha una duplice valenza: quella di monito all’utilizzo futuro di armi di distruzione di massa e quella di celebrazione della vita, attraverso la sacralità della natura.

L’intervento di piantagione in via Toscana è stato l’occasione anche per ricordare la prof.ssa Isabella Cantarelli, docente amatissima dell’ITIS “Leonardo da Vinci”, scomparsa un anno fa: la famiglia ha infatti voluto donare quattro piante. Queste le parole della prof.ssa Elisabetta Botti, Dirigente Scolastico dell’ITIS “Leonardo da Vinci”: “Piantare alberi per ricordare chi ci ha lasciato: questo per testimoniare la nostra speranza, affrontando una perdita per noi dolorosa con segni concreti di amore. Oggi scommettiamo sulla vita nella certezza che un albero è il segno concreto della vita che va avanti. Oltre al piacere del gesto, piantare un albero è un ringraziamento personale alla figura di Isabella Cantarelli, madre, moglie, insegnante, collaboratrice preziosa e amica. Rinnovare il patrimonio arboreo è un’iniziativa che Isabella avrebbe apprezzato, perché coerente con il progetto ‘Blu Parma: il Campus di via Toscana’ di cui è stata protagonista, che trova oggi in KilometroVerdeParma una continuazione ideale e una risposta d’eccellenza”.

All’iniziativa di KilometroVerdeParma presso l’ITIS “Leonardo da Vinci” di Parma hanno partecipato, Barbara Lori, Assessora Regionale alla Montagna, Aree interne, Programmazione territoriale, Pari opportunità, e Michele Alinovi, Assessore Comunale alle Politiche di Pianificazione e Sviluppo del Territorio e delle Opere pubbliche.

Il secondo intervento che ha visto protagonista il Consorzio Forestale KilometroVerdeParma nella Giornata Nazionale degli Alberi è stato a San Secondo Parmense: in via Unità d’Italia, il Comune ha messo a disposizione del Consorzio un’area di 9.000 metri quadrati, da convertire a bosco. “Il progetto ‘Bosco urbano’ nasce alla fine del 2018, quando l’Amministrazione ha ravvisato la necessità di un rinnovamento complessivo delle aree verdi del paese – spiega il Sindaco di San Secondo Parmense Antonio Dodi -. Abbiamo pensato da subito di coinvolgere l’ITIS ‘Galileo Galilei’, sensibile ai temi della sostenibilità ambientale, poi il Consorzio KilometroVerdeParma ha deciso di partecipare fornendo un supporto fondamentale: insieme portiamo avanti azioni concrete per migliorare l’ambiente, migliorare la qualità dell’aria, creare un laboratorio all’aperto per le scuole e un luogo di ristoro per esseri umani e animali. Per questo li ringrazio sentitamente, insieme ai ragazzi dell’ITIS, per l’aiuto che ci stanno dando. Grazie al contributo delle giovani generazioni nell’attività di messa a dimora delle piante questo ambiente diventerà più bello e prezioso, vivo e partecipato”.

Una cinquantina gli alberi già messi a dimora nei giorni scorsi: il “Bosco Urbano” di San Secondo Parmense è destinato a crescere, accogliendo, entro la primavera 2021, 400 alberi in totale, tra farnie, frassini, bagolari, ciliegi, tigli, carpini bianchi, olmi, aceri campestri, ciavardelli e maggiociondoli. Come detto, a progettare il “Bosco Urbano” sono stati gli studenti dell’ITIS “Galileo Galilei”, altro istituto che ha aderito al progetto WeTree: i ragazzi cureranno in prima persona la messa a dimora di tutte e 400 le piante. Così Anna Rita Sicuri, Dirigente Scolastico del Polo Scolastico Agroindustriale ITIS “Galilei” – ITAS “Bocchialini”, ha commentato l’iniziativa: “KilometroVerdeParma fa tappa a San Secondo Parmense; la partecipazione dell’Indirizzo Agroindustriale dell’ITIS Galilei a questo grande progetto di valorizzazione ambientale del territorio proposto dal Consorzio KilometroVerdeParma è stata accolta dai docenti e dagli studenti con grande entusiasmo. Il nostro Istituto, infatti, si impegna da sempre nella promozione di progetti e attività che possano sensibilizzare i ragazzi sul tema della sostenibilità e del green. Nel caso del ‘Bosco Urbano’, gli studenti possono contribuire a migliorare la qualità dell’ambiente urbano diventando protagonisti attivi nel lavoro di progettazione di un’area, nell’individuazione delle essenze arboree e nell’attività di messa a dimora delle piante. Pensiamo che il contributo portato dai nostri ragazzi possa essere un importante messaggio che le nuove generazioni vogliono trasmettere al territorio in cui vivono e nel quale sedimentano e costruiscono, attraverso lo studio, il loro futuro. Vogliamo ringraziare l’Amministrazione Comunale di San Secondo Parmense, in particolare l’Assessore Ketty Pellegrini, e Maria Paola Chiesi, Presidente del Consorzio KilometroVerdeParma, per averci concesso questa grande opportunità”.
Infine, il Consorzio KilometroVerdeParma è intervenuto alla “Festa dell’Albero” organizzata dall’Università degli Studi di Parma al Campus Scienze e Tecnologie: nel corso della Giornata Nazionale degli Alberi sono state simbolicamente messe a dimora alcune piante. Il progetto dell’Università di Parma, contenuto nel Piano Strategico 2020/22 in relazione allo sviluppo sostenibile, è ambizioso: prevede la piantagione di 360 piante totali, per la riqualificazione delle alberature e delle aree verdi dell’Ateneo. In questo caso, il prossimo 27 novembre, nell’area di Giocampus, il Consorzio Forestale KilometroVerdeParma curerà la messa a dimora di 150 alberi: farnie, frassini, ciliegi, bagolari, platani, carpini bianchi, gelsi, olmi, mirabolani, aceri campestri.

lodi_12dic