Il Pd nazionale sta lavorando alla piattaforma digitale per fare le primarie online. Potrebbero essere utilizzate a Bologna e Torino

Arriva una notizia di non poco conto: le primarie sulla piattaforma digitale.

Così il Pd bolognese si prepara alla svolta in vista della scelta del prossimo candidato sindaco nel 2021.

Una strada che potrebbe essere intrapresa dai dem a Bologna e a Torino, come spiega oggi l’edizione regionale di Repubblica, è mista: voto a distanza e supporto in presenza (a patto che la pandemia lo consenta), per chi, come gli anziani, potrebbe preferire comunque recarsi di persona alle urne della sinistra.

La spinta arriva direttamente dal partito nazionale che sta predisponendo una piattaforma per le primarie digitali in vista delle comunali 2021.

“Potranno usufruirne le città che andranno al voto e che vogliono selezionare i candidati ai gazebo”, spiega il responsabile organizzazione del Pd nazionale Stefano Vaccari.

Lo strumento potrebbe essere utilizzato anche alle primarie di Parma in vista delle comunali del 2022, qualora si decidesse di procedere in questa direzione.