Immigrazione, Cavandoli (Lega): “Dal Governo incentivo agli sbarchi”

steamdic2020

“Il decreto immigrazione del Governo PD e 5 stelle ha lo scopo di smantellare definitivamente i Decreti Sicurezza, riaprendo il business dell’immigrazione e la mangiatoia dell’accoglienza contrastati dall’ex Ministro Salvini.

La preoccupazione di PD e 5stelle non è limitare l’ingresso di clandestini, risparmiando risorse da utilizzare anche per fronteggiare l’emergenza da coronavirus, ma favorire l’arrivo di immigrati in Italia.

Nel decreto in corso di conversione a Montecitorio si prevede che il Ministro dell’Interno non possa più intervenire per negare ai barconi il transito nelle acque territoriali italiane, vengono abrogate le sanzioni per il comandante della nave che viola il divieto di ingresso nei nostri mari, scompare anche la conseguente confisca del natante: ONG e scafisti possono riprendere i loro viaggi disumani senza alcun rischio.

Nell’iter in commissione la maggioranza ha anche approvato un emendamento per cui ad un immigrato basterà dichiarare di sentirsi discriminato nel suo Paese per il proprio orientamento sessuale o la sua identità di genere per rendere impossibile la sua espulsione.

Nel frattempo i migranti continuano a fuggire dalle navi “quarantena”, dagli hot-spot e dai centri, come accadde per il terrorista di Nizza.

Le uniche ‘zone verdi’ in Italia sono Lampedusa e i centri per migranti, mentre per gli italiani ci sono le restrizioni delle ‘zone gialle, arancioni e rosse’.

Nel nostro Paese ci sono già abbastanza stranieri a spasso – mantenuti dalle tasse degli italiani – e problemi sociali e di sicurezza senza che il Governo faccia nuove norme per incentivare partenze e sbarchi di clandestini.

La Lega si opporrà con tutte le forze alla conversione in legge di questo decreto!”.

Così Laura Cavandoli, deputata parmigiana della Lega.

lodi_12dic