La compagnia catalana La Calòrica in scena al Teatro Due

Lombatti

LAS AVES
di La Calòrica
ispirato a Gli uccelli di Aristofane
drammaturgia Joan Yago

con Xavi Francés, Aitor Galisteo-Rocher, Esther López e Marc Rius
voci dell’assemblea Queralt Casasayas, Óscar Jarque, Arnau Puig, Clara de Ramon, Vanessa Segura, Júlia Truyol

scene, costumi e luci Albert Pascual
spazio sonoro Guillem Rodríguez con la collaborazione di Arnau Vallvé

regia di Israel Solà


Premio de la Crítica 2019
Per il miglior attore non protagonista a Xavi Francés e migliori costumi a Albert Pascual
Premio Teatre Barcelona 18/19
Miglior spettacolo di piccolo formato e miglior attor non protagonista a Aitor Galisteo-Rocher




PRIMA ITALIANA
Teatro Due, Parma
22 e 23 novembre 2022, ore 20.30

Arriva per la prima volta in Italia la compagnia catalana La Calòrica con LAS AVES in scena al Teatro Due di Parma, che la ospita nell’ambito di Teatro Festival/Reggio Parma Festival il 22 e 23 novembre 2022 alle ore 20.30.

Da qualche anno in Spagna impazza questo ensemble nato a Barcellona nel 2010 da un gruppo di attori artefici di un teatro ammaliante: riflessione politica tinta di toni dissacranti e uso di abbondante humor per affrontare le tematiche più serie sono i loro tratti distintivi.

Dopo aver affrontato il tema del lavoro nello spettacolo dall’eloquente titolo Sul fenomeno dei lavori di merda del 2015 e dell’imprenditorialità in Fairfly del 2017, allestimenti che hanno fatto incetta di premi e lunghe tournee attraverso tutta la penisola iberica, la compagnia si è concentrata su un altro tema, vagamente scottante, ossia la democrazia.

Prendendo come punto di partenza Gli uccelli di Aristofane, La Calòrica ha creato un testo completamente nuovo, ma perfettamente in linea con lo stile dell’autore greco. Las Aves è una commedia corrosiva, agile e irrimediabilmente divertente. In scena pochi attori (come nelle commedie della Grecia classica), tanti personaggi e un coro che si muove tra la società degli uccelli e il cuore del pubblico.

Pisetero e la compagna Evelpide fuggono da Atene. La democrazia è morta (“è stato un incidente”) e non possono tornarvi. Tantomeno gli è possibile trovare un luogo dove poter vivere la vita agiata, rilassata e libera da obblighi fiscali che anelano. L’incontro casuale con un’innocente upupa nel folto di un bosco gli farà cambiare strategia: e se rinunciassero alla loro natura umana per convertirsi in uccelli? O ancora meglio: e se convincessero tutti gli uccelli del mondo a istituire una nuova società basata sui principi fondamentali dell’Individuo, la Proprietà e la Concorrenza?

L’impresa non sarà facile. Dovranno convincere le masse con argomentazioni solide e appassionate, negoziare con le antiche gerarchie che governano il mondo degli alberi, dovranno combattere con pugno di ferro la dissidenza e, alla fine, affrontare una discussione faccia a faccia con la Democrazia e il Capitalismo.

La Calòrica rivisita Gli Uccelli per studiare i meccanismi emotivi che permettono il funzionamento del populismo neo-liberale e chiedersi le ragioni del suo successo a livello internazionale. Cosa abbiamo fatto per opporci al populismo? Fino a che punto siamo immuni dai suoi slogan enfatici e persuasivi? È rimasto qualcosa di democratico nelle democrazie occidentali?

La compagnia catalana estrae il massimo potenziale comico dai suoi interpreti per creare una commedia maiuscola, eccessiva, un colorato cabaret delirante che fa parlare gli uccelli e converte i leader politici in DJ messianici. Una commedia dove lo humor nero e l’assurdo si mettono al servizio di un discorso squisitamente politico, frantumando qualsiasi etichetta possa essere usata dallo spettatore per classificarla e mostrando con quanta facilità inghiottiamo ciò che ci viene propinato, proprio come gli uccelli ingoiano il becchime.

Spettacolo in lingua originale con sopratitoli.

Informazioni e biglietteria: biglietteria@teatrodue.org – tel: 0521.230242 – www.teatrodue.org

Ufficio Stampa
Fondazione Teatro Due
Michela Astri | m.astri@teatrodue.org |Ph. 0521 289644 | M. +39 349 22 68 680