La lista “Per Parma 2032” di Giampaolo Lavagetto ha inaugurato la sua sede elettorale in San Leonardo

Carbognani
Lombatti

L’inaugurazione della sede elettorale nel Quartiere San Leonardo (Via Amendola 2D) questa mattina, è stata l’occasione per il candidato sindaco Giampaolo Lavagetto e la lista “Per Parma 2032” per fare il punto sulle criticità del quartiere, avanzando proposte concrete. 

“Prima la disastrosa esperienza delle società di trasformazione urbana e del Ponte Nord di Vignali – ha detto Lavagetto -, poi l’immobilismo della Giunta Pizzarotti-Guerra, hanno stremato quest’importante area di Parma. Come Sindaco istituirò una distretto operativo della Polizia locale, da supporto anche per Cortile San Martino, a cui afferirà il vigile di quartiere e l’ufficio mobile di sicurezza. Grazie a noi, è stata approvata l’introduzione della no tax area per i negozi di quartiere, che favorirà anche qui il rilancio del commercio, identitario e di qualità. Attiverò interventi di riqualificazione e rigenerazione urbana di aree e spazi importanti, come ex cinema, ex Bormioli, ex Stu stazione, in modo partecipato e condiviso con associazioni di quartiere, residenti e commercianti. Inoltre, Realizzerò parcheggi e bus-navetta dedicati, progetti di mitigazione dei fenomeni di segregazione urbana, il potenziamento aree giochi bimbi e la sistemazione di parchi e aree cani.”

Gianluca Zoni e Candida Morreale, candidati per il quartiere hanno confermato che il loro impegno per San Leonardo sarà a tempo pieno: “Dopo anni di immobilismo dell’Amministrazione, promettiamo che, insieme al “Comitato San Leonardo che Verrà”, ci faremo carico delle criticità del quartiere, impegnandoci davvero – e non solo a parole come fatto fin ora dall’Amministrazione – per risolverli. I due candidati aspettano i cittadini nei prossimi giorni nella sede di via Amendola 2D.

Per Parma 2032