L’aeroporto di Parma sempre più a rischio

Lombatti

30/03/2012

Nuvole grigie si addensano sull’aeroporto di Parma Giuseppe Verdi.
In questi giorni il volo Parma-Roma dell’Air Vallée è stato soppresso per mancanza di un numero sufficiente di passeggeri.
Ma non basta. L’ENAC ha di recente inserito il “Verdi” nella quarta fascia degli aeroporti italiani, ovvero quelli a cui si può rinunciare.
Infine il sottosegretario all’Economia Gianfranco Polillo, rispondendo alla Camera all’interpellanza del deputato Udc Teresio Delfino, ha definito l’aeroporto Verdi piccolo e fragile: “E’ da valutare se queste infrastrutture possano ancora reggere la concorrenza tanto di altri aeroporti di dimensioni maggiori quanto dei treni ad Alta Velocità. E’ necessario procedere ad un piano di riorganizzazione del sistema aeroportuale italiano”.
In altre parole, l’aeroporto di Parma Verdi potrebbe presto chiudere.
La domanda è esplicita: Parma può permettersi un aeroporto o esso è un lusso insostenibile per la nostra città?

___

Iscriviti alla
newsletter
di ParmaDaily!