Lavagetto (Pd): “Dopo le dichiarazioni di Bonaccini le primarie sono inevitabili. Il candidato sindaco del centrosinistra deve essere un politico”. VIDEO

proges_4_21

“La strada è quella delle primarie, non ce n’è un’altra.” (vedi video al minuto 1.17.00)

E’ così che Lorenzo Lavagetto, il capogruppo del Pd, ha concluso la prima serata del talk Parma 22 32 organizzato nel parco Bizzozero: “La scelta del candidato sindaco del centrosinistra la devono compiere i cittadini attraverso le primarie. E’ sì necessario superare le divisioni e allargare i confini della coalizione ma ciò deve avvenire sui progetti, non a tavolino, attraverso uno strumento pubblico come le primarie che lo consenta.


La dichiarazione del presidente Bonaccini (ndr “Parma è bene governata”) rende le primarie necessarie, direi inevitabili, perchè sono sul campo due valutazione diverse e legittime su cui confrontarsi.

Non voglio fare polemica con nessuno, anche perchè quello espresso non è un giudizio nuovo.

Ma non si può dimenticare che negli ultimi anni queste due forze politiche si sono contrapposte in modo chiaro, netto e corretto (essendo i cittadini coloro che decidono chi è la maggioranza e chi l’opposizione). Abbiamo rappresentato due diversi approcci alle questioni della città, che sono documentabili nei contenuti che ci hanno distinto.

E’ quindi giusto che si confrontino due posizioni alternative.

Il Pd ha l’obbligo di garantire questo diritto, perchè altrimenti è difficile pensare a un coalizione larga e i pezzi facilmente si perdono.

Quando parliamo di discontinuità intendiamo che la città possa aspirare a un modello differente, perchè evidentemente c’è un’insoddisfazione di fondo a cui bisogna dare rappresentazione.

Bisogna dare la possibilità a tutti di partecipare per provare s costruire qualcosa di nuovo.

Ritengo, altresì, che il prossimo candidato sindaco debba essere un politico, ed è necessario che ci siano esperienza e conoscenza di quello che succede in città, a cui dare una lettura politica.”