Luca Bussolati, candidato sindaco con “Uniti per Fontevivo”, si presenta insieme alla sua lista civica

Così si è presentato, con un post sui social, il candidato sindaco al Comune di Fontevivo, Luca Bussolati:

 “Vivo con mia moglie al Torchio, piccola località di Fontevivo, dove per anni la mia famiglia ha condotto un vivaio. Lavoro come impiegato nella Pubblica Amministrazione dopo aver conseguito la laurea in Economia e Commercio, sono stato Assessore del Comune di Fontevivo dal 1999 al 2004. Credo nell’importanza del lavoro quotidiano e dell’impegno civico al servizio dei cittadini e della comunità, per questo ho ritenuto di mettermi a disposizione candidandomi Sindaco”.

“Uniti per Fontevivo non è solo il nome della lista con la quale ci presentiamo alle prossime elezioni amministrative: unire la comunità di Fontevivo intorno ad un progetto che ponga al centro la solidarietà tra le persone, lo sviluppo e la promozione sostenibile del nostro territorio, il miglioramento dei servizi e delle opportunità per tutti, è l’impegno con cui ci presentiamo ai cittadini che saranno chiamati al voto il prossimo 20 e 21 settembre” – ha spiegato Bussolati.

“Insieme a me e ad alcuni giovani impegnati e motivati, ci sono donne e uomini conosciuti e riconoscibili, che hanno alle spalle esperienza e competenza acquisita nel lavoro, nell’amministrazione pubblica, con lo studio. Ho chiesto che fossero al mio fianco, consapevole che le sfide dei prossimi 5 anni non troveranno soluzioni con i soli sorrisi e le strette di mano”.

“La lista si richiama esplicitamente ai valori del centrosinistra, allargato ad altre sensibilità politiche e al contributo prezioso di persone che si sono accostate per la prima volta all’impegno amministrativo. Della lista fanno parte gli ex assessori Raffaella Pini, Giuseppe Grazioli, Alessandro Castagnoli, Paola Zilli e Mara Troni, la consigliera comunale Anna Maria Tiberti, Claudio Galloni (che nella precedente tornata elettorale era candidato con la lista sostenuta dal Movimento 5 Stelle), Enrico Boselli, Filippo Corradini (entrambi poco più che ventenni), Martino Culeddu, Mario Mantovani e Luigi Tronci”.

“Ci mettiamo a disposizione convinti che Fontevivo possa esprimere progetti nuovi e concreti che non si limitino alla gestione dell’ordinario e del quotidiano, occorre superare una visione localistica cercando la collaborazione dei comuni limitrofi e avere un quadro chiaro e complessivo delle criticità ma anche del potenziale del nostro territorio, in particolare sui temi del turismo e della mobilità. Abbiamo un programma ricco e articolato che vogliamo condividere con i cittadini, attraverso un confronto che inizia adesso e che proseguirà durante tutto il mandato, sfruttando le nuove tecnologie, ma soprattutto con incontri periodici aperti a tutti”.