Lunedì comizio di Bossi a Parma

steam1121

29/04/2012
h.20.00

Il candidato della Lega Nord Zorandi rende noto il calendaro degli appuntamenti elettorali della Lega Nord per l’ultima settimana di campagna.
Lunedì 30 aprile alle 21 Bossi e Giorgetti sono attesi alla sala aida del gran hotel de la villa presso il Barilla center mentre martedì sera, primo maggio, il governatore del Piemonte Cota sarà in piazza garibaldi (di nuovo presso il bar san pietro) a partire dalle 21 circa.

___

Matteo Salvini in piazza Garibaldi suona la carica: “Lega, adesso su la testa”

Anche Matteo Salvini in città a sostegno della campagna elettorale di Andrea Zorandi, candidato sindaco della Lega Nord.
L’eurodeputato e consigliere comunale a Milano, reduce dagli studi Rai di Bologna, dov’era in collegamento con l’Arena di Massimo Giletti, ha fatto tappa oggi pomeriggio a Parma dove ha incontrato elettrici ed elettori in piazza Garibaldi. Salvini, accompagnato dall’onorevole Fabio Rainieri, si è prestato di buon grado a militanti e giornalisti nel consueto modo informale, tra un aperitivo ed un tramezzino all’esterno del bar San Pietro, ha infiammato la base parlando delle attuali vicende nazionali.
“Abbiamo sbagliato ma nessun problema, si paga quando succede – ha tuonato – siamo diversi dal Pdl che ad esempio in questa città ha combinato di tutto e di più, e ora capiamo anche perchè non ci volevano in giunta qui”. Al grido di “Adesso rialziamo la testa”, Salvini si è soffermato sull’Imu e “tutte le altre, molte malefatte di Monti e dei suoi, a comp0iciare dal massacro delle pensioni, che tutti, qui come altrove, stiamo pagando e pagheremo sulla nostra pelle. Governo ladro – Salvini non ha usato giri di parole – quello che non paga i suoi creditori e costringe al suicidio imprenditori e dipendenti in difficoltà. Oltretutto tenendo in cassa soldi che potrebbero esser utilizzati per opere pubbliche, meglio se in modo più trasparente e non con l’attuale sistema di appalti”.
“Parma ha 680 milioni di euro di debito e il commissario Ciclosi ha già spiegato che l’aliquota Imu sarà massima: bisogna ringraziare Ubaldi e Vignali, i soliti noti, i soliti di sempre, come l’altra novità, Bernazzoli- ha puntualizzato l’onorevole Rainieri – se oggi siamo in queste condizioni. Siamo gli unici all’opposizione, quelli puliti ma soprattutto siamo quelli nuovi, il rinnovamento che questa città aspetta. Alla faccia del civismo e il presunto nuovo nella politica che qualcuno tira in ballo”.
Zorandi, che ha chiuso il momento pubblico in piazza, ha riattaccato proprio da qui: “Siamo gli unici e siamo abituati ad andare da soli da anni. Qui nulla è stato prodotto ma creato sì, e sono i debiti che qualcuno ha cercato di nascondere invano nelle partecipate”. Il candidato sindaco ha parlato anche di Spip e Stu Pasubio ma ha soprattutto attaccato l’Udc, al potere da anni e responsabile delle tante scelte sbagliate che hanno condotto Parma sull’orlo del baratro. Questa città non merita la gente che ha avuto al timone in questi ultimi anni, è il momento di cambiare e dire basta”.
All’inceneritore, ai varchi, al gioco delle scatole cinesi delle partecipate ma soprattutto a un modo di fare politica e gestire la cosa pubblica che ha portato in dote soltanto debiti in bilancio e cantieri a metà.

Commenta l’articolo: clicca qui!
___

Iscriviti alla
newsletter
di ParmaDaily!