Manichini per simulare una rianimazione in urgenza, donazione di Alu Tecno al Pronto Soccorso di Parma

Una famiglia di manichini dalle fattezze umane, da un piccolo neonato, ad un bambino alla persona adulta, questo il regalo che Paolo Orsi, titolare della ditta Alu Tecno, ha consegnato questa mattina al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore di Parma “per ringraziare coloro che ci hanno protetto durante l’emergenza Covid”, questa la sua motivazione. “Un piccolo gesto – aggiunge Orsi – ma tramite amici comuni ho saputo che c’era questa necessità e così ho pensato di destinare il contributo del Governo al sostegno del nostro Ospedale”.

Ed ecco arrivare i manichini Family e della loro importanza spiegano Rita Dicembrino, Responsabile Esiti Assistenziali e sicurezza delle cure e Antonella D’Errico, Responsabile Formazione, Sviluppo Organizzativo e Professionale nonché Responsabile del Centro di formazione aziendale dell’emergenza (BIOS), che hanno riorganizzato l’area rossi del Pronto Soccorso (quella che ospita i pazienti più gravi) secondo le disposizioni previste dal decreto ministeriale del 19 maggio scorso.

“Questi manichini – afferma Rita Dicembrino – ci consentono di mantenere al top le abilità delle équipe infermieristiche che devono intervenire in urgenza, quando tempi rapidi di esecuzione si devono sposare con l’efficacia delle azioni. Con questi manichini si possono fare simulazioni on side in modo che ogni professionista sappia esattamente cosa fare e come farlo quando deve intervenire su un paziente”. “Inoltre – aggiunge Antonella D’Errico – alla fine della simulazione gli operatori possono valutare l’efficacia della loro azione. Ottimizzare i tempi dell’intervento significa recuperare secondi preziosi per la riuscita di una rianimazione cardio polmonare e quindi per salvare una vita umana”.

Alla donazione sono intervenuti il direttore f.f. del Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza Francesco Scioscioli, la direttrice del dipartimento interaziendale di Emergenza-Urgenza Sandra Rossi, la direttrice delle Professioni sanitarie Marina Iemmi e il direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria Massimo Fabi che ha ringraziato, a nome del personale, con queste parole “Ancora una volta la vicinanza e il riconoscimento del lavoro fatto in questi mesi è la soddisfazione più bella che ci ripaga di tante fatiche”.