Mascherine non conformi, Occhi (Lega): “Bene il ritiro dei lotti, ma danno arrecato ai cittadini è serio”

“Bene che la Regione si sia attivata per ritirare i lotti di mascherine FFP2 e FFP3 con certificazioni turche che la Guardia di Finanza ha tolto dal mercato in quanto non conformi alle normative vigenti e pericolose per la salute, ma il danno arrecato da questa partita di DPI è serio”. Così il consigliere regionale della Lega ER ha replicato all’assessore assessore all’ambiente, difesa del suolo e della costa e protezione civile, Irene Priolo che, in risposta a un’interrogazione dell’esponente leghista ha spiegato come la Regione sia stata informata dell’irregolarità dei DPI con nota formale della Guardia di Finanza lo scorso 7 aprile e abbia “subito proceduto a inoltrare l’allarme a tutte le strutture del territorio regionale”. Ad oggi le mascherine gestite dalla struttura della Protezione Civile ritirate, sono oltre 6 milioni e sono stoccate, sotto sequestro, nel deposito regionale di Cavriago in attesa della fine delle indagini.
“Allo stato attuale, continua ha continuato l’assessore Priolo, non c’è alcuna possibilità di stabilire se siano avvenuti contagi in seguito all’utilizzo di tali dispositivi, che comunque sono stati prontamente ritirati dal circuito distributivo della Protezione Civile”.

Occhi aveva infatti chiesto conto alla Regione circa il numero di eventuali contagi legati alla cattiva filtrazione di questi dispositivi e di specifici elenchi delle strutture a cui sono stati consegnati i prodotti.