Medesano, detenevano un cane e un gatto in condizioni precarie: denuncia per i proprietari

Lombatti

Detenevano un cane di razza meticcia, esemplare di quasi 70 kg, costringendolo a rimanere chiuso nell’appartamento.

Quando sono entrati in casa, gli Agenti della Polizia Locale Bassa Val Taro, i Vigili del Fuoco di Parma e il personale dell’ASL, hanno accertato la presenza di un cane di media taglia posto all’interno di una gabbia di dimensioni ridotte rispetto alla taglia dell’animale, il quale non riusciva nemmeno a girarsi su se stesso.

Al momento dell’intervento all’interno della gabbia non era presente acqua, vi era presente un forte odore nauseabondo dovuto alla presenza di escrementi ed urina dell’animale.

Poiché il detentore del cane non forniva adeguate cure e attenzioni e un adeguato livello di benessere fisico ed etologico gli Agenti hanno proceduto al sequestro amministrativo; veniva inoltre contestata la sanzione amministrativa in violazione dell’art. 3, commi 1 e 2 lett.) B L.R. 17 febbraio 2005 nr. 5.

All’interno dell’appartamento era presente anche un gatto di piccole dimensioni, posto anch’egli sotto sequestro.

Entrambi gli animali sono stati affidati ad un canile in Provincia di Reggio Emilia, presso cui sono stati trasportati grazie alla collaborazione dei volontari dell’Associazione RESCUE DOG di Noceto.

Sono in corso ulteriori accertamenti da parte della Polizia Locale