Nico

20/11/2013

Dark Daily, musica, costume e moda a tinte scure e gotiche.

Christa Päffgen, nota come Nico, è stata una cantautrice, attrice e modella tedesca.
Tramite Dylan, conobbe l’artista Andy Warhol, che la coinvolse come attrice in alcuni dei film sperimentali che stava girando in quel periodo. Cominciò a frequentare la “Factory”, collettivo di artisti che girava attorno al carisma di Warhol. Da esso, venne incoraggiata a unirsi, nel 1967, ai The Velvet Underground, rock band di cui l’artista aveva intenzione di produrre un album.
Insieme ai The Velvet Underground, Nico pubblicò il primo album della band, intitolato appunto The Velvet Underground & Nico, prodotto da stesso Warhol, che pure ne disegnò la copertina.
La presenza di Nico all’interno della band fu, però, piuttosto marginale, in quanto non fu autrice di alcun brano, limitandosi solo a cantare testi scritti da Lou Reed, cantante e chitarrista della band. Con John Cale, polistrumentista della band, strinse, comunque, un buon legame, coinvolgendolo nella produzione dei suoi album da solista.
Nel 1975, a proposito del suo rapporto con gli altri membri della band, disse: “I Velvet Underground avevano alcuni problemi di identità e volevano sbarazzarsi di me perché ricevevo più attenzione di loro da parte della stampa”.
Già nel 1968, prima della pubblicazione del secondo album White Light/White Heat, Nico era uscita dalla band.
Nel 1967, aveva conosciuto Jim Morrison, cantante della rock band The Doors, con cui aveva avuto probabilmente una relazione sentimentale, e che l’aveva incoraggiata a cimentarsi nella scrittura di musica propria.
A quel punto, decise di continuare la carriera musicale come solista, registrando diversi album, senza, però, mai raggiungere i successi ottenuti insieme al gruppo.
Il primo disco pubblicato fu Chelsea Girl del 1968, colonna sonora per un omonimo film di Warhol, contenente, in realtà, brani scritti da Lou Reed, John Cale e Jackson Brown.
Il primo disco scritto interamente da lei fu The Marble Index, album che propone un’originale commistione di elementi folk, musica classica e testi drammatici.
Nel 1970, uscì Desertshore, ampiamente considerato dalla critica come il capolavoro dell’artista, nonché anticipatore del genere gothic rock.

Gli anni ottanta furono un periodo piuttosto difficile, anche per problemi di tossicodipendenza.

Dopo sette anni di inattività, nel 1981 uscì Drama of Exile, seguito nel 1985 da Camera Obscura, ultimo album dell’artista.
I suoi dischi cominciarono ad avere successo e a essere apprezzati, soprattutto nell’ambiente punk degli anni ottanta.
Nel luglio del 1988, mentre si trovava in vacanza a Ibiza, venne ricoverata dopo una caduta in bicicletta. Pochi giorni dopo, il 18 luglio, morì per emorragia cerebrale al Cannes Nisto Hospital di Ibiza.
Venne sepolta al cimitero Grunewald-Forst di Berlino.


Andrea Marsiletti